La Banda G.Colombo archivia il gemellaggio Italia-Belgio

Pubblicata il by admin Caricata in Notizie | Lascia un commento  

E’ già trascorsa una settimana dal rientro in patria degli amici belgi, venuti a Sesto Calende in un gemellagio musicale per celebrare i 190 anni di fondazione del corpo musicale “G.Colombo”.
Ancora riecheggiano nell’aria le note dell’indimenticabile concerto, che sabato 28 agosto, durante la notte dei fuochi, questi eccezionali artisti hanno saputo proporci.

Dapprima la “Percussion Feeling“, un gruppo di ragazzini età media 15/16 anni ci ha incantato con i suoni delle loro percussioni dimostrando una passione sfrenata per la musica, che fin da piccoli ha contraddistinto un particolare indirizzo della loro cultura.

Successivamente, in un clima di assoluta concentrazione, sono stati ascoltati gli inni nazionali delle due formazioni e quindi l’appassionato concerto che la “Koninklijke Fanfare Eksel” ha voluto regalarci, integrando la loro esibizione con le musiche della Banda “G.Colombo”,  impegnata in modo encomiabile a dimostrare un ottimo standard di esecuzione.

Al termine, prima della consegna dei consueti attestati di ringraziamento e delle belle parole delle autorità presenti, due pezzi suonati all’unisono hanno decretato la più classica delle ‘standing ovation’ con applausi interminabili.

Due popoli diversi, due lingue diverse, ma una sola grande passione comprensibile a tutti: LA MUSICA !

Mauro Valentini
Presidente del Corpo Musicale “G.Colombo”

 

 

 

Perizia di stima immobiliare, Varese e provincia.

Pubblicata il by F&T Servizi Immobiliari Caricata in Agenzie Immobiliari | 4 Commenti

Breve spiegazione del significato di perizia di stima immobiliare.

– A che cosa serve la perizia di stima immobiliare?

La Perizia di Stima Immobiliare per la valutazione di un edificio è uno strumento necessario per conoscere il valore di mercato di un immobile più appropriato e viene calcolato, da parte di un perito estimatore ovvero un professionista esperto del settore immobiliare, sulla base di metodi estimativi standard riconosciuti a livello internazionale.

La Perizia di Valutazione Immobiliare è uno strumento utile soprattutto per conoscere il prezzo di mercato di un immobile che vuoi vendere, acquistare o affittare oppure che vuoi dare in garanzia ipotecaria per ottenere un finanziamento (es. mutuo).

Conoscere il più probabile valore di mercato di un immobile può essere utile anche quando nostro malgrado ci troviamo ad affrontare situazioni particolari della vita, come una separazione coniugale, la divisione per una successione ereditaria, lo scioglimento di una società.

 Perché il metro quadro non è sufficiente  per calcolare il valore di mercato di un immobile?

La perizia di valutazione di un immobile sulla base di un prezzo, espresso a metro quadro, non consente di valutare tutti gli elementi che concorrono alla definizione del valore del bene e non tiene in conto le caratteristiche specifiche dell’immobile da valutare: per la corretta determinazione del valore di mercato di un immobile è necessario prendere in esame varie caratteristiche quantitative e qualitative, che solo un esperto riesce a cogliere.

Il limite della valutazione di un immobile sulla base solo del valore al metro quadro, senza un adeguata ed autorevole perizia di stima è palese nel caso in cui l’immobile debba costituire una garanzia per un finanziamento (ad es. per ottenere un mutuo ipotecario) infatti, gli istituti di credito, per valutare l’ammontare della garanzia, richiedono procedure di stesura della perizia di valutazione immobilarestandardizzate ed unanimemente riconosciute.

– Perchè le nostre valutazioni sono affidabili ?

noi siamo in grado di fornisce una valutazione del prezzo di mercato di un immobile attendibile per tre ragioni, principali:

  1. CRITERI DI VALUTAZIONE IMMOBILIARE STANDARD:i criteri utilizzati per la valutazione dell’immobile sono uniformi, basati sulle stesse regole condivise a livello internazionale .
  2. PERITI ESPERTI NEL SETTORE IMMOBILIARE; valutatori sono periti professionisti esperti, solo ingegneri, architetti e geometri, indipendenti e non condizionati da interessi di parte iscritti ai rispettivi albi professionali.
  3. UTILIZZO DI BANCHE DATI IMMOBILIARI AFFIDABILI ED AGGIORNATE: il servizio di stima ed estimo degli immobili utilizza un archivio informatico di dati del mercato immobiliare prodotti e raccolti nel tempo, che consentono di effettuare confronti tra immobili con caratteristiche simili per poi calibrare le stime tenendo conto delle caratteristiche specifiche di ogni mercato locale e tipologia di edificio, dalla casa di civile abitazione, le ville, gli appartamenti condominiali, i locali commerciali, negozi, sino ai capannoni industriali ed alle intere aziende ecc..

– Quando è utile sapere il prezzo di mercato di un immobile?

Ovviamente, in caso di vendita o di acquisto di un immobile, conoscere il reale valore dell’immobile può essere un utile elemento di contrattazione nella compravendita.
A tal proposito nella perizia vengono anche date valide argomentazioni utili per strappare il prezzo comunque più conveniente per il nostro cliente.
Nel caso di richieste di finanziamento che necessitano di un immobile a garanzia (ad esempio per la richiesta di un mutuo). Una perizia ti consentirà di conoscere preventivamente quale sarà indicativamente il valore attribuito dalla banca all’immobile. In caso sia necessario procedere alla suddivisione della proprietà o risarcire i conproprietari come nel caso di successioni ereditarie, separazioni o divorzi ecc.

– Quali elementi vengono considerati per calcolare il valore di mercato di un immobile?

La determinazione del valore di un immobile è eseguita attraverso la metodologia di standardizzata e unanimemente riconosciuta ovvero si basa su:

  1. Raccolta informazioni: di carattere generale sull’immobile oggetto di stima,(sociali, ambientali, economici, qualitativi, ecc,), dati specifici attinenti all’immobile oggetto di perizia estimativa e relativi all’andamento del segmento di mercato (entità e variazioni della domanda ed offerta).
  2. Sopralluogo: il perito, prima della stesura della perizia sull’edificio esaminerà la documentazione tecnica fornita ed effettuerà una visita sul posto per rilevare direttamente ed accuratamente tutti gli ulteriori elementi necessari ad eseguire la valutazione, verificando di persona la corrispondenza tra lo stato reale dell’immobile e quello risultante nella documentazione.
  3. Stima: dopo un’analisi approfondita e l’applicazione del più idoneo metodo di valutazione del valore di mercato dell’immobile scelto tra quelli riconosciuti e condivisi a livello internazionale, il processo si conclude con la stima del valore di mercato dell’immobile e la stesura del Rapporto di valutazione (perizia immobiliare), che verrà consegnato al cliente.

– Come posso richiedere una valutazione immobiliare ?

semplice,  basta mandate una mail ad info@terazzaimmobiliare.com, vi verranno fornite tutte le informazioni , tempi ed eventuali costi  .

Buone vacanze

Geom Terazza Paolo

 

Bilancio partecipato anno 2012

Pubblicata il by Renzo Besozzi Caricata in Notizie | Lascia un commento  

Crediamo di far cosa utile riportando questa informazione ripresa dal sito ufficiale del Comune di Sesto Calende :

E’ aperta la possibilità di presentazione dei progetti nell’ambito del Bilancio Partecipato anno 2012.
La scadenza per la presentazione è il 24 agosto 2012.

Possono presentare domanda la consulta del volontariato, i comitati di quartiere, le associazioni sportive e di volontariato, gli enti ecclesiastici, le Onlus, i gruppi spontanei di cittadini e i singoli cittadini.

Quest’anno, il Comune mette a disposizione l’importo complessivo di 30.000 euro per il finanziamento di tre progetti giudicati più meritevoli:

  • un progetto di importo fino a 6.000 euro
  • un progetto di importo fino a 9.000 euro
  •  un progetto di importo fino a 15.000 euro

I progetti devono consistere in iniziative (opere di pubblica utilità, attività di tipo sociale, culturale, educativo, sportivo, formativo, benefico) volte a generare benefici ricadenti solo ed esclusivamente sul territorio di Sesto Calende.

 

Ordinanza del 2 agosto sull’uso dell’acqua

Pubblicata il by Renzo Besozzi Caricata in Notizie | Lascia un commento  

Sul sito ufficiale del Comune (www.comune.sesto-calende.va.it  ,  ordinanze) vengono poste limitazioni all’uso dell’acqua potabile, per ovvie ragioni di disponibilità ben specificate.

 

Le limitazioni imposte, che riportiamo per comodità del lettore, sono le seguenti:

  1. Divieto dell’uso d’acqua potabile per lavare autovetture su aree pubbliche e private, se non presso gli impianti autorizzati.
  2. Divieto di riempimento delle piscine e di vasche private con acque provenienti dall’acquedotto comunale, con esclusione delle piscine presenti in impianti sportivi, palestre, case di cura, centri di riabilitazione e strutture ricettive.
  3. L’irrigazione di giardini, aree verdi pubbliche, impianti sportivi e orti è consentita esclusivamente dalle ore 24:00 alle ore 06:00.

Si invitano anche i cittadini all’osservanza scrupolosa delle seguenti precauzioni:

  1. verificare che non vi siano perdite dalle tubazioni domestiche o dai rubinetti;
  2. chiudere sempre i rubinetti ed aprirli solo quando è necessario;
  3. non lasciare scorrere l’acqua inutilmente;
  4. utilizzare lavatrici e lavastoviglie soltanto a pieno carico e nelle ore notturne;
  5. riutilizzare, ove possibile, la stessa acqua

 

Citizen Eco-Drive.

Pubblicata il by Limbiati Tempo e Preziosi Caricata in Gioiellerie e Orologerie | Lascia un commento  

Citizen Eco-Drive è per la nota Casa Giapponese di Orologi da Polso un binomio non solo vincente ma anche inscindibile.

Impossibile chiedere un Orologio Citizen con funzionamento al Quarzo senza che questo non sia anche Eco-Drive.

Una scelta “Verde” che cela dietro il suo nome indubbi vantaggi per l’Ambiente e per il consumatore finale.

Ancora Oggi sono ancora diversi i Cliente che di fronte a termini quali Eco-Drive o “Carica a Luce Infinita” si manifestano con interrogativi e conoscenze limitate su queste nuove soluzioni. Meglio far chiarezza e dare opportune informazioni.

Leggi di più

Soluzione Acne e Foruncoli Naturale Argital

Pubblicata il by Cinzia Locorotondo Caricata in Lavanderie e Prodotti Per Igiene Personale | 2 Commenti

Oggi vi presentiamo ACQUA COMPOSTA PER ACNE E FORUNCOLI!

L’acqua Composta Argital è un prodotto 100% naturale. I puri oli essenziali di Cedro, Lavanda, Niaouly, e la pura acqua di fonte, svolgono un’azione rinfrescante sulle pelli acneiche e foruncolose.

Il gel di argilla verde Argital, ricco di forze di luce e di oligoelementi naturali che illuminano la pelle del viso.
Le mucillagini vegetali, i puri oli vegetali, la pura cera delle api, ricca di forze solari, i puri oli essenziali tra cui quello di rosa, le vitamine naturali, la pura acqua di fonte purificano la pelle, la idratano, la nutrono, esercitando anche un’efficace azione antirughe.

Questo prodotto si può utilizzare come tonico per il viso e dècolletè per avere un effetto rinfrescante, come leggero profumo o deodorante.

 

Come si usa?

  1. Nebulizzare 3 dosate (spray);
  2. Attendere qualche secondo che si asciughi;
  3. Oppure esercitare un leggero massaggio con i polpastrelli.

VIENI A TROVARCI!…LAVANDERIA SERENA (Sesto C. e Arona)

Una T-Shirt per il Campanile dell’Abbazia

Pubblicata il by admin Caricata in Notizie | Lascia un commento  

Non avevamo dubbi: il Cuore di I Love Sesto Calende si è mostrato generoso più di ogni nostra aspettativa”  questa è la dichiarazione rilasciata da Locorotondo Stefano e registrata a chiusura dello Stand di I Love Sesto Calende, aperto in occasione de “La Notte col Botto” e finalizzato alla distribuzioni delle celebri T-Shirt legate all’omonimo Urban Blog.

Nonostante il tempo inclemente, che ha segnato la Serata dello Spettacolo Pirotecnico organizzato dalla locale Pro-Loco,  la T-Shirt I Love Sesto Calende (ormai diventata una icona da collezione anno dopo anno) ha lasciato nuovamente il segno.

Sono state circa 500 le magliette che, distribuite da uno Staff tutto al Femminile, hanno contagiato la serata.

Recepito anche il messaggio legato a questa Edizione e consegnato con ogni maglietta:  “Grazie! Con questa T-Shirt hai contribuito a risistemare il Campanile dell’Abbazia di Sesto Calende“,  che ha permesso, grazie a singole e piccole donazioni, di raccogliere la somma di Euro 2.350,00.

Artefice di questo successo è stato anche Gianni Macelar diventato in poco tempo, anche grazie ad I Love Sesto Calende, una simbolo dell’Urban Blog. Autore di una prevendita che ha contagiato sia la propria Clientela (per lo più legata al Rione che prende il nome dalla Chiesa) sia la Classe dei Coscritti del 1967 (da Lui capitanata) che ha raccolto il Suo invito.

La cerimonia di consegna dei fondi raccolti è avvenuta, proprio dinanzi al Campanile, colpito e danneggiato da un fulmine la scorsa Primavera,  alla presenza di Don Luigi Ferè, Responsabile della comunità Pastorale Sant’Agostino, dei vertici del Gruppo Commercianti, Artigiani e Terziario Avanzato di Sesto Calende ed alcuni Rappresentanti della Classe 1967.

Viva la soddisfazione di Don Luigi “Anche grazie a questo prezioso contributo, ci auguriamo a breve, di ripristinare e ridare a Sesto Calende un simbolo della nostra Città.

Grazie e tutti per la collaborazione e l’impegno.

Il Presidente
del Gruppo Commercianti, Artigiani
e Terziario Avanzato di Sesto Calende

Locorotondo Stefano

 

Catering e Buffet per il Coro LA ROCCA di Arona (NO)

Pubblicata il by LACASADELLAPASTAFRESCA Caricata in Alimentari | 1 Commento

La Casa della Pasta Fresca®

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CORI “EUROPA CANTAT”

ARONA, PIAZZA SAN GRAZIANO

 

Quando si suol dire “concludere a tarallucci e vino”, basta chiedere a noi e vi alletiamo la vita con genuinità.

Ho avuto l’onore e la gioia di preparare il Buffet organizzato dal Coro La Rocca di Arona (NO)  in occasione del Festival Internazionale di Cori ” EUROPA CANTAT” in cui vengono ospitati gruppi musicali provenienti dal tutto il mondo.

Protagonista indiscusso è stato proprio il nostro ormai celebre RAVIOLO di SESTO CALENDE   con ripieno di Persico  di Lago e Gamberi di Fiume

(VEDI)     https://www.ilovesestocalende.it/alimentari/il-raviolo-i-love-sesto-calende/

accompagnato da un altro Raviolo non da meno e “ultima creazione” : “LE CARAMELLE con Ripieno di CARNE

poi vassoi di salumi e affettati, Pizzette e Focaccine, Zucchine Ripiene,polpettine di carne, ciotoline con Insalata di Farro della Tradizione, sfarzosi Grissini, Frutta di Stagione e deliziose monoporzioni di Panna Cotta ai 1000  gusti.

                                                                          

Terminata l’esibizione ci siamo ritrovati nel cortile della biblioteca Comunale Aronese, chiusa, come un delizioso scrigno, da 4 mura subito animate dagli abitanti curiosi di assistere al dopo spettacolo. Che così si è dimostrato.

Perchè il Buffet si è trasformato in un convivio multiculturale tra Locali, Alpini, Molisani e Argentini, che dopo aver ben mangiato e ben bevuto si sono  sfidati a colpi di arie tradizionali chiudendo a tarda serata con un  immenso, corale ” Va’ Pensiero”  verdiano.

Mangiare, bere, cantare … questo è il saper vivere e noi ve lo possiamo realizzare.

La Casa della Pasta Fresca®

Pastificio – Produzione e Vendita Diretta Pasta Fresca

Ristorante Self – Service

Gastronomia e Piatti Pronti da Asporto

Servizio Catering e Banqueting

Pranzi e Buffet per Cerimonie, Feste Private ed Eventi

Noleggio Attrezzature

Via V .Veneto 13 (S.S. Sempione) Sesto Calende(VA)

Tel. 0331 924981 – Fax. 0331 919385

info@lacasadellapastafresca.it

www.lacasadellapastafresca.it

 

 

Il Nosiola

Pubblicata il by admin Caricata in Servizi | Lascia un commento  

La Scuola di Cucina “ Menta e Rosmarino “ prosegue nella ricerca di tradizioni e realtà enogastronomiche delle nostre Regioni da riproporre in occasione dei Corsi di Cucina che organizza o all’ interno dei Menù che propone per il Servizio Cuciniamo per Voi …. “, e intende far partecipi gli Amici di  “ I Love Sesto Calende “ del viaggio enogastronomico alla scoperta del Trentino, una Regione conosciuta ed apprezzata per le sue bellezze naturali e per la presenza di montagne uniche al Mondo quali le Dolomiti.

Dopo aver presentato il “ Radicchio dell’ Orso “ della Val Rendena, ed il “ Salmerino Alpino “ allevato nelle fresche acque della Valle del Fiume Sarca, proseguiamo questo viaggio visitando la bellissima Valle dei Laghi, alla scoperta di una realtà caratteristica di questa zona: la produzione del Vino Nosiola.

La Valle dei Laghi, nel Trentino Occidentale, si estende dal Basso Sarca – Arco, Riva del Garda – fino alle pendici del Monte Paganella e del Monte Bondone ed è uno dei luoghi paesaggisticamente, storicamente e climatologicamente tra i piu’ interessanti del Trentino.

Elementi caratterizzanti di questa realtà sono i nove laghi che si incastonano in questo inconfondibile paesaggio in cui, dai versanti montani ricchi di boschi di pini, abeti e faggi  si passa alla tipica vegetazione mediterranea della bassa valle dove, fra i lecceti e gli oliveti di Toblino e Santa Massenza, a decorare i colli, uniche e sempre belle in ogni stagione, le Vigne.

Veduta di un tratto della Valle dei Laghi

 

 

 

 

Le Vigne nella Bassa Valle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Suggestivi sono il Lago di Toblino con l’ omonimo Castello ed il Lago di Santa Massenza, mete del nostro viaggio.

Il Castello di Toblino è sicuramente il piu’ suggestivo di tutto il Trentino, dalle origini antichissime risalenti addirittura all’ epoca reto-celtica. Il bellisssimo Castello sorge sulle rive dell’ omonimo Lago dalle acque tranquille e profonde in uno scenario davvero incantevole.

Il Lago ed il Castello di Toblino

Il Lago di Santa Massenza deve il nome al Paese di Massenza, il cui nome e’ dovuto al fatto che, secondo la tradizione, vi ha abitato Santa Massenza, la madre di San Vigilio, il Patrono di Trento.

 

Le Viti di Nosiola si affacciano sul Lago di Santa Massenza

Questa e’ la zona tipica di produzione del Vino Nosiola, un vino ottenuto da uve a bacca bianca.

La Nosiola e’ il piu’ antico vitigno autoctono del Trentino. I primi documenti storici la danno coltivata nei dintorni di Trento gia’ nel 1825, e sembra che sia arrivata nella Valle dei Laghi risalendo le sponde del Lago di Garda. Un altro suo  nome e’ quello di “ Durello “ e cio’  l’ ha fatta spesso confondere con l’ Uva Durella, molto diffusa un tempo nel veronese e nel vicentino.

L’ Uva Nosiola

Si discute ancora oggi sull’ origine del nome attuale :

  • Secondo alcuni il nome deriverebbe da “ ocioleta “  e  quindi ociola  a causa di un occhio bianco che presentano gli acini.
  • Secondo altri piu’ verosimile e’  l’origine da  “ nosiol “ , termine locale che indica la nocciola, frutto il cui colore richiama quello degli acini maturi.
  • Per altri il nome deriverebbe dal colore dei tralci giallo-nocciola.
  • Altri, infine, vogliono riconoscere un’ origine celtica facendo derivare il nome da “ nos “ , cioe’ nostro, il  nostro vino.

I primi documenti la danno coltivata nei dintorni di Trento fin dagli albori dell’ Ottocento. Le prime trattazioni scientifiche parlano di una Nosiola spinarola dai grappoli molto piccoli e con pochi acini: e’ la stessa che i vecchi contadini locali chiamavano grasparola perche’ tutta graspo e pochi acini.

  • E’ importante ricordare che la Nosiola e’ oggi l’ uva principale, se non la sola, con cui si produce il Vino Santo Trentino, grande vino dolce e maestoso, di cui parleremo in un prossimo articolo per il Blog.

Il vitigno richiede un clima asciutto, temperato, terreni piuttosto aridi e poco fertili, in pendenza e non irrigati.

Per quanto riguarda il periodo della Vendemmia – fattore critico per la qualità di ogni vino – la Nosiola e’  l’ ultima uva bianca ad essere raccolta. Per la sua maturazione tardiva si vendemmia praticamente a ridosso delle uve rosse e cio’ la espone più facilmente a quelle variazioni metereologiche, soprattutto le piogge che,  piu’ frequenti in Ottobre, la possono facilmente rovinare.

Dopo la vendemmia l’ uva viene sottoposta a pressatura soffice ed il mosto che si ottiene viene messo in fermentazione a temperatura controllata di 16°-18°.

Successivo affinamento di 4-5 mesi in vasche di acciaio inox e riposo  per uno-due mesi in bottiglia prima della sua commercializzazione.

Ne risulta un vino delicato, che va bevuto giovane, dal colore giallo paglierino leggermente scarico con sfumature verdoline, dal profumo fruttato che ci riporta anche alla nocciola.

Ha un sapore asciutto, fresco, con bassa acidità, leggermente amarognolo.

  • Vino degustato: Nosiola  annata 2011 della Azienda Agricola Casimiro di Santa Massenza
  • Uve:  Nosiola 100%.
  • Gradazione: 12,5%.
  • Temperatura di servizio: 10°C – 12°C.

La Nosiola secondo noi puo’ essere considerato come un raffinato vino da aperitivo e puo’ altresi’ ricoprire il ruolo di vino da tutto pasto, soprattutto indicato con la cucina di lago ed in particolare con le varie preparazioni di Salmerino Alpino, di Trota o con i filetti di Pesce Persico.

Abbiamo così deciso di adottare la Nosiola come Vino da utilizzare per accompagnare i gustosi piatti che proponiamo per il Servizio Cuciniamo  per  Voi … e che presenteremo in occasione di uno dei prossimi Corsi  della Scuola di Cucina “ Menta e Rosmarino “.

Abbiamo la possibilità di fornire, a chi ne fosse interessato, un certo numero di bottiglie.

Per informazioni  telefonare al N. 366 – 45.13.305

Scuola di Cucina e non solo … “ Menta e Rosmarino “   Tel.  366 – 45.13.305

www.mentaerosmarino.net          E-mail : info@mentaerosmarino.net

I colori dell’estate

Pubblicata il by Mr e Mrs Shoes Caricata in Calzature Pelletteria | Lascia un commento  

Siamo quasi alla fine di quest’estate 2012 ma le vacanze per molti devono ancora iniziare! Spiagge, mare e tintarella…

E cosa c’è di più bello per una donna che far risaltare l’abbronzatura?

 

 

Ecco l’ultimo accessorio dell’estate: toCOlORS!

Celeste, verde, viola, fuxia, rosso, giallo, arancio, avio, oro e bianco sono i colori di questo simpatico e colorato bracciale che accompagnerà le tue giornate di sole.

Ma la cosa più divertente è che non è solo un bracciale… infatti può essere anche usato come cavigliera!

toCOlORS! 2in1 bracciale o cavigliera… decidi tu!

Da regalare, da farsi regalare… da regalarsi!

Colora la tua estate con i colori dell’estate… Da “Mr. & Mrs. Shoes” in Via dell’Olmo, 16.

 

 

 

 

Burggräfler Meran – Meraner Küchelberg

Pubblicata il by admin Caricata in Bar Enoteche | Lascia un commento  

Un vino interessante, alla portata di chi a tavola gradisce un vino tenace, un DOC Classico prodotto da uve Schiava Meranesi coltivate a 400m SLM.

Questi vitigni (Tirolo Kuchelberg) fanno da corona a Merano e verso sud, dove incontriamo Caimes, Cermes, Gargazzone, Lagundo, Lana ecc., il Fiume Adige, inorgoglisce questo prezioso territorio.

La coltivazione è rigorosamente a pergola;  la loro età (compresa tra i 25 e i 50 anni), consente una produzione di circa 65hl/ha. Per ottenere questo Meraner Kuchelberg DOC, si vendemmia tra l’inizio e la metà di Ottobre.

Un vino dalla fermentazione tradizionale; da vino rosso a temperatura costante in grandi serbatoi in INOX, cui poi si fa seguire fermentazione malolattica. La maturazione invece avviene in grandi botti di rovere per 5 mesi. Da qui il colore rosso rubino medio, con un bouquet dove sfumano interessanti note di mandorle e frutta rossa matura: amarene in particolar modo, ma anche le violette.
Sapore intenso, equilibrato nella tannicità e piuttosto sapido. Forse un po’ corto al naso, ma il retrogusto sottile e vivace, appaga la lingua la sua armonicità.

Mai meno di 11° di volume, e possibilità di taglio con uve dello stesso colore peer un massimo mai superiore al 15%, proprio per mantenere il più possibile le proprietà di questa magnifica uva Tirolese.

L’imbottigliamento avviene in Primavera, poi affinato un mese in bottiglia. L’invecchiamento è di 2 o 3 anni, non di più. Per chi volesse conservarlo in cantina, l’ideale è un’umidità non maggiore al 70/80%, con temperatura di mantenimento intorno ai 10/15°, stoccando in orizzontale.

Come tutti i vini in genere, non apprezza la luce diretta, per cui, mi raccomando, luce soffusa onde evitare un invecchiamento precoce con conseguente impoverimento del carattere.

In etichetta, l’indicazione di località, Kuchelberg appunto ed in quanto prodotto nel territorio dell’Ex Contea Di Tirolo (Castello), la specificazione di  Burggräfler, ossia “del Burgraviato

Altrettanto interessanti, della zona autoctona e di sicuro impatto, sono il Bozner Leiten, ossia i “Colli di Bolzano”, un vino che nasce dalle colline di Laives.

E a seguire il Sant Magdalener, o “Santa Maddalena”, da vigneti che abbracciano tutto il territorio di Bolzano ed ancora il Terlaner o “Terlano”, un vino bianco di cui parleremo più approfonditamente alla prossima degustazione

Stefano Branconi

 

Notte col botto 2012: Resoconto

Pubblicata il by fabio Caricata in Gallerie Fotografiche | Lascia un commento  

Inizia bene la giornata di sabato 28 luglio. Tutti indaffarati a montare stand, i mercatini, l’area bimbi, allestire le aree musicali, correre a prendere le ultime cose… Sul fiume le piattaforme con i fuochi pirotecnici attendono solo il via del Presidente della Pro Sesto Calende, Sig. Maraffini.

Presenti forze dell’ordine e protezione civile in strada e in acqua. Ci siamo, tutti carichi!

Stand della Pro Sesto Calende montato, allestito con i volumi che raccontano la storia della nostra cittadina, le maglie, i portachiavi…

Lo stand dei commercianti con le maglie di “I love Sesto” anche.

L’associazione Pensionati di Sesto che cucina e distribuisce risotto, salamelle e patatine..

Mercatini che allietano le famiglie e bambini che si divertono sui gonfiabili.

Sembra andare tutto secondo i programmi. La gente è in giro, sorride attende da un anno uno degli spettacoli più belli della provincia.

Ore 21, le band pronte a partire, le prime gocce.. i primi “Ti prego, no!”

Ore 21.15 il diluvio. Il primo pensiero corre ai fuochi: li faranno lo stesso?

Centinaia di persone riversate in strada che cercano riparo sotto i portici, sotto i tendoni dei negozi, nei bar e noi dello staff, pulcini come di rado, a coprire le attrezzature, rincorrere gli stand che il vento soffiava via.. Sembra l’inizio della fine.

Ore 22.30 con l’umore sotto i piedi.. spiove, il primo botto. “I fuochi si fanno lo stesso”, proprio come aveva preannunciato il Presidente Maraffini.

Spettacolo bello e affascinante come sempre, peccato che lo si sia potuto godere poco, sotto gli ombrelli.

Ore 23 il pubblico torna per le strade, ascolta buona musica, prende l’ultimo gelato della giornata, mentre gli organizzatori smontano e i più giovani si dirigono sotto il ponte di ferro, dove l’Under the Bridge prende vita e ci tiene svegli fino alle 4 del mattino.

Poteva andare meglio, indubbiamente, ma Sesto Calende, l’Ass. Pro Sesto, Realizzando e le altre associazioni intervenute per rendere la “notte col botto”, una notte diversa dalle altre, hanno dimostrato che nessuno, nemmeno il tempo le può abbattere e fermare! Ci ritroviamo il prossimo anno, più forti che mai!

Grazie a tutti quelli che anche con un sorriso, con una passeggiata ha reso possibile la seconda edizione di una “notte col botto 2012”.

Jennifer Gangi

Presidente Realizzando

Mostra di pittura delle opere di GIUSY DI CLAUDIO

Pubblicata il by fabio Caricata in Gallerie Fotografiche | Lascia un commento  

E’ aperta a Sesto, nella Casa sant’Angelo dell’Abbazia, una mostra personale delle opere di Giusy Di Claudio, che vi invitiamo caldamente a visitare (da martedì a domenica, dalle 9 alle 12:30 e dalle 16 alle 19 fino all’ 11 agosto).

Giusy Di Claudio è un’artista di cui la città di Sesto Calende deve essere orgogliosa, non seconda ai suoi cittadini più illustri.

Nasce a Vogogna (VB), vive ed opera a Sesto Calende dove, da oltre due lustri, mette a frutto l’arte insita da sempre nel suo essere. Frequenta da anni il Laboratorio di Arti figurative e la scuola di nudo di Sesto Calende, voluta dal maestro De Boni. Autodidatta con forte propensione ai particolari che coglie e trasferisce su tela con soluzioni cromatiche molto personali e calde. Passa con grande versatilità dalla realizzazione di paesaggi a quella delle natura morte, cogliendo particolari che riportano a tempi e sensazioni ormai perdute ma sempre patrimonio del nostro essere. Il genere che esalta la sensibilità e lo spirito dell’artista è quello legato alla ritrattistica di bambini, dei quali coglie espressioni e personalità. La tecnica che predilige è quella a olio. Ha ricevuto crescenti consensi dalla critica esponendo in numerose collettive nazionali ed internazionali.

Tecnica matura, attento studio e sintesi stilistica sono alla base della sua pittura; le luci la densità materica dell’olio, la gamma raffinata dei colori caldi su tela, vibrano in un felice connubio. Avanza pertanto un’individualità pittorica determinata e soprattutto una compositiva rigorosa, un itinerario pittorico autentico, sorretto da puro sentimento, dando così la chiarezza di un’Arte poetica pienamente leggibile, ed un tracciato elegante decisamente personale.

Giusy Di Claudio ci mostra con grande passione e notevole autonomia una figurazione palpitante d’interiorità riflessiva. Il suo è un viaggio che emana senzazioni d’ampio respiro, l’osservazione alla natura, agli interessi, le figure umane e tutto quello che la circonda la porta ad affrontare una realtà sociale e naturale di costante importanza. Animata da sincero amore per l’Arte, la Di Claudio ci propone un intinerario pittorico autentico sorretto da puro sentimento, dando così la chiarezza di un’Arte poetica pienamente leggibile. La visione fortemente intimistica e l’incisiva analisi hanno un ruolo principale nella sua pittura: ritratti, figure, paesaggi, natura silenti, ed interni, affiorano dalle sue tele con sostanziale vitalità in un assoluta e tattile umanità. In un’ottica ambientale ed esistenziale significativa emergono le opere della Di Claudio, ed è con queste promesse che si connota la sua produzione pittotica di straordinaria vitalità. La gamma raffinata dei colori caldi svela una dolcezza di grande rilievo: le fascinose armonie segniche aprono un tracciato elegante decisamente personale

Le sue opere sono presenti in collezioni private e pubbliche in diverse parti d’Italia.

Citiamo qui solo i principali prestigiosi riconoscimenti e premi che ha ottenuto:

2003 Milano: Premio Arte Mondadori

2005 Concorso Internazionale la Telaccia D’oro

2005 Venezia:Premio Internazionale Biennale di Venezia

2007 Tarquinia: Premio Luglio Expo

2007 Venegono Superiore: Concorso Internazionale

2007 Parigi: Mostra Internazionale “ Trofeo Eiffel “

2007 Firenze: Gran Premio Internazionale R. Sanzio

2008 Cannes: Biennale D’Arte Internazionale Hermitage du Rion

2009 Palermo: Premio Trofeo il Tempio “Premio Speciale alla Carriera”

2010 Bruxelles: Premio Internazionale Rene’ Megritte

2010 New York: Concorso Internazionale Premio Città di New York

2010 Monreale: Premio Guglielmo II°

2010 Belgio: Trofeo di Bruges per il talento artistico

2010 Cassano Valcuvia: Con. Internaz. Nomina Accademica Università della

Cultura Giovanni Paolo II° Roma.

2011 Tokio: Premio Internazionale Tokio.

2011 Torre del Greco NA: premio internaz. d’Arte “Pensare europeo”

2011 Palermo: Premio EccellenzaStilistica

2011 Atene: Premio Internazionale di Pittura