Luca Tinello, un Viaggiatore della Vita.

 

Ho conosciuto Luca Tinello casualmente, mentre svolgeva un lavoro come autista di camion… mi ha subito colpito  l’aspetto da autentico Vichingo, con i lunghi baffi rossicci e il fare grezzo, un’ immagine  semplice, in realtà avevo davanti un giovane uomo con una tenacia e una forza inusuale.

Con il tempo ho approfondito quella che poi si è rivelata una profonda amicizia, scoprendo come, fin da ragazzo, avesse vissuto la vita contando solo su di sè.

Dal  2004 ventinove paesi attraversati con il suo inseparabile furgone, in solitaria, alla scoperta dei luoghi e soprattutto di sè stesso, di quelle risposte che, in fondo, tutti cerchiamo e vorremmo trovare.

Sette volte a Capo Nord, la sesta in “ape” che gli ha fruttato la prima notorietà, sia in televisione che sui giornali della zona.

Tante volte ho chiesto: “perché“?  la risposta era sempre disarmante: “perché no” ?

Un uomo intento a realizzare i suoi sogni andando verso la vita e affrontando le difficoltà, senza paura, senza troppi pensieri, con la tenacia e la resistenza di chi non teme i propri limiti.

Ha ben chiaro dove vuole arrivare, come un uomo di altri tempi, lo guidano  una profonda etica e  principi sani e semplici.

Un giovane uomo capace di inventare giorno per giorno la sua vita, senza rinunciare mai alle esperienze per lui importanti : viaggiare, conoscere persone e luoghi, sperimentare mezzi di trasporto.

Ed ecco la svolta: per la prima volta il viaggio avviene, non grazie ai veicoli guidati e preparati da lui, ma attraverso gli incontri con altre persone, da solitario eremita errante nel Mondo, a viaggiatore in autostop fino a Capo Nord.

Un viaggio a  incontrare il limite ultimo di sè stesso, quello oltre il quale esiste solo l’ignoto, ma anche  sondare il Mondo degli altri, scoprire se poter contare sull’umanità e la generosità  degli uomini e non solo su sè stesso.

In questo viaggio porta “Wilson“, un contenitore metallico ermetico dove sono raccolti sogni e desideri di amici e persone incontrate nel  tragitto ….verrà lanciato dalla scogliera ed affidato all’oceano …..

Mi piace seguire i suoi progetti, questa modalità di viaggiare, apparentemente bizzarra, non è altro che creatività e amore per la vita, quella vera, quella che lascia segni fuori e anche dentro, Grazie Luca!

Massimo Ferraris

Condividi ora su:

Pubblicata il by admin Caricata in Notizie

About admin

Lo Staff ILSC, sono soci dell' Associazione I Love Sesto Calende che ogni giorno mettono passione e impegno per promuovere I Love Sesto Calende il l primo Urban Blog della provincia di Varese. Un progetto nato nel 2012 allo scopo di promuovere on-line e sui social la città di Sesto Calende e le attività che ne fanno parte dell'associazione.

Lascia un commento