Il Restauro del Palazzo Comunale.

Noi Sestesi avevamo dimenticato quanto bello fosse il nostro Palazzo Comunale.

Trascurato per decenni, impoverito da fatiscenti e tecnicamente inadatte pitture, scrostati in più parti  e pericolanti i cornicioni, appesantito da fasci di cavi elettrici neppure più utilizzati, ci eravamo abituati a questa decrepitezza del Palazzo più significativo di Sesto Calende.

D’altra parte, le dimensioni considerevoli e la quantità di lavori necessari hanno reso impossibile porre mano ai lavori prima d’ora.

Finalmente però, per l’interessamento di un Ministro vicino a Sesto Calende, abbiamo ottenuto un contributo statale tale da coprire la maggior parte della spesa, e il nostro palazzo lo scorso anno  è stato “vestito” con ben 4000 mq di ponteggi e teli.

Non che il riconoscimento di Città dato a Sesto Calende abbia direttamente portato al contributo, ma certo ha dato una visibilità e ha portato l’attenzione sulla nostra Sesto.

I lavori sono iniziati con il lavaggio e pulitura delle superfici. A seguito di ciò è stata fatta una mappatura, riportata sui disegni, dei vecchi tamponamenti, che sono stati battuti e ove necessario rifatti, usando materiali come gli originali con malte a base di calce e impermeabilizzante.

Cornicioni e decorazioni in cemento decorativo sono stati puliti, restaurati, consolidati e protetti.

Il progetto inizialmente prevedeva di fare i tamponamenti di intonaco ammalorato e di raccordarli al resto della superficie con base spessa ai silicati, ma poi si è deciso di estendere la rasatura su quasi tutta la superficie per renderla omogenea ed evitare future “macchie di leopardo”.

Durante la pulitura delle facciate è emerso un colore originale dell’edificio, in particolare quello delle superfici bugnate che erano più scure e sotto le finestrature risultava una parte più chiara.

Si è quindi deciso, dopo iter di approvazione delle prove dei colori da parte della Sovrintendenza ai Beni Architettonici, di ripristinare i colori originali dell’epoca della costruzione del palazzo (ben 5 colori diversi più il finto granito).

Il colore è a base di silicato chiaro, coperto con una velatura più scura, che dà l’effetto di trasparenza delle antiche pitture a calce, che non erano compatte come le attuali finiture per esterno.

Interventi si sono resi necessari anche sulle coperture (sostituzione di molti canali e pluviali e della maggior parte delle tegole sui versanti Nord).

I serramenti, che nelle varie parti dell’edificio sono diversi (per via delle diverse fasi costruttive e delle sostituzioni fatte nei decenni scorsi), son tuttora in corso di restauro ed alcuni dovranno essere sostituiti.

Per il secondo compleanno della Città vengono terminate le facciate esterne, mentre si continua a lavorare su quelle dei cortili. Il tutto sarà completato nella Primavera 2014.

Un ringraziamento  all’Impresa ICSA (Interventi Conservativi Storico Artistici) , srl  di Giacomelli Bruno, Impresa di Sesto Calende, specializzata in restauri di opere architettoniche, con importanti esperienze alle spalle (cappelle artistiche, Parco Isola Bella, Palazzo Borromeo a Cesano Maderno, Scuola di Saronno, ecc), che ha lavorato con dedizione ed un pizzico di orgoglio campanilistico per la nostra Città.

Crediamo che il Commissario Prefettizio Ernesto Cacciari, che ha governato Sesto Calende dal 1927 al 1930, e che ha edificato questo Palazzo per la sede del Municipio e delle Scuole, ed ha trasformato completamente la struttura di Sesto, abbellendola più di quanto ora appaia, sarebbe fiero di rivedere il “suo” palazzo, bello ed imponente come lui l’aveva voluto.

Speriamo di esserne fieri anche noi e di non dover soccombere ai vandali notturni che troppo spesso infieriscono stupidamente sulle poche cose belle di cui tutti, loro compresi, dovrebbero godere.

Renzo Besozzi

Condividi ora su:

Pubblicata il by admin Caricata in Notizie

About admin

Lo Staff ILSC, sono soci dell' Associazione I Love Sesto Calende che ogni giorno mettono passione e impegno per promuovere I Love Sesto Calende il l primo Urban Blog della provincia di Varese. Un progetto nato nel 2012 allo scopo di promuovere on-line e sui social la città di Sesto Calende e le attività che ne fanno parte dell'associazione.

Lascia un commento