La Fondazione Piatti di Sesto compie 10 anni!

SAM_0369 Sarà il 7 luglio 2013 il decimo “compleanno” della RSD Fondazione Piatti di Via Lombardia a Sesto Calende, una realtà che non tutti i nostri cittadini conoscono bene e che ho avuto il piacere di visitare recentemente, accompagnata da Loredana Raniero dell’Amministrazione e dal Dott. Massimo Ratti, coordinatore della struttura.

La sede di Sesto ospita persone con disabilità e ritardo mentale grave dovute a cerebropatie degenerative, ed è una vera e propria casa per i 31 ospiti attuali (più un posto dedicato al “sollievo familiare temporaneo”) che vanno dai 18 ai 65 anni, di ambo i sessi.
E’ proprio questo lo scopo della Fondazione Renato Piatti Onlus, costituita a Varese per volontà di alcuni soci della locale Anffas (Associazione Famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale) ovvero progettare, realizzare e gestire servizi a favore delle persone con disabilità intellettiva e/o relazionale e delle loro famiglie. Ora la Fondazione Piatti ha lo status di “ente a marchio Anffas”.
Dopo la Legge Basaglia del 1978, che ebbe il compito di riformare l’organizzazione dell’assistenza psichiatrica ospedaliera e territoriale, proponendo un superamento della logica manicomiale, è chiaro come realtà di questo tipo siano importanti e basilari per queste persone e per l’ausilio alle loro famiglie. “Un altro modo di affrontare la questione, avendo provato che si può fare diversamente, anche senza la costrizione”, così il dottor Franco Basaglia intendeva il trattamento di tali disabilità. E’ senza dubbio la missione della Fondazione Piatti far sì che le persone con patologie psichiche e intellettive e le loro famiglie possano vivere la miglior condizione di benessere possibile nell’arco di tutta la loro esistenza senza discriminazioni fondate sulla disabilità, creando le condizioni per sviluppare o recuperare le loro capacità ed autonomie e per favorirne l’inclusione sociale.

Nella RSD di Sesto Calende, accreditata dalla Regione Lombardia, si trovano 3 nuclei abitativi residenziali a tempo indeterminato, due da 11 posti e uno da 10. Ognuno di questi nuclei conta camere doppie e singole, tutte con bagno.
Due di essi ospitano persone con attitudini più relazionali, attivi e impegnati mentre l’altro è dedicato a persone che necessitano assistenza continua e protezione.
Importanti le attività quotidiane, atte a lavorare sulle abilità residue dei residenti e sui loro bisogni, e che sono principalmente tre:
1. attività motoria, in palestra ed in piscina, e anche all’aperto, con lo scopo del “sentirsi bene”.
2. attività espressiva, spesso con l’ausilio di volontari esterni, tramite laboratori di arte, musica, lettura, per “sentirsi liberi”. Un esempio su tutti la presenza costante del Signor Lostaffa, famoso disegnatore per Walt Disney Italia!
3. attività lavorativa (preparare la tavola, rigovernare, aiutare in cucina, sempre con la presenza degli operatori della struttura). Tutto questo per sviluppare il senso di partecipazione alla vita della comunità e far percepire il “sentirsi utili”.

SAM_0249

Naturalmente è garantita a tutti gli ospiti l’assistenza medica di base e l’assistenza infermieristica nelle 24 ore tramite personale interno, che si occupa anche delle prestazioni di tipo igienico, cura degli spazi dedicati all’ospite, assistenza all’alimentazione, assistenza per la deambulazione.

Il personale è di circa quaranta persone, tra educatori, assistenti OSS e ASA e infermieri, più i medici, l’assistente sociale, il fisioterapista e lo psicologo.
Punto di forza della struttura sestese è la fondpiattiscpiscina, costruita dall’ASL come Centro Riabilitativo, al quale è possibile accedere da un ingresso autonomo, utilizzata secondo le necessità, anche da privati oltre che da enti e associazioni. La piscina ha due livelli di altezza, uno scivolo, l’idromassaggio e il flusso controcorrente.

La Fondazione Piatti gestisce attualmente 13 strutture in Lombardia, (presto ci sarà la quattordicesima) e dal 2006 ha iniziato a operare anche fuori dal territorio della provincia di Varese, prendendo in gestione i servizi dell’Anffas di Melegnano (MI).

I servizi offerti sono accreditati dalla Regione Lombardia che ne detta gli standard di qualità minimi che la Fondazione, per nome e per conto delle famiglie, si propone di elevare al fine di rispondere ai diversi bisogni che intervengono nelle varie età della vita.

Nell’occasione del decennale della struttura sestese, Loredana e Massimo, e tutti gli operatori che ne fanno parte, vogliono sottolineare una cosa molto importante: la residenza è sempre aperta alle visite dei familiari e degli amici, e spesso vengono organizzati momenti di incontro, come pranzi, cene, feste, ai quali possono partecipare tutti. Un invito a tutta la cittadinanza, quindi, di avvicinarsi a questa realtà fatta di persone splendide e attive, per partecipare e portare un contributo di serenità e sollievo.

Rossana Girotto

Condividi ora su:

Pubblicata il by RossanaGir8 Caricata in I Sestesi, In Primo Piano, Notizie

Lascia un commento