Favolgiocando.

Cosa significa educare i bambini alle emozioni?

Vuol dire prima di tutto insegnare loro a dare un nome a ciò che sentono, aiutarli a riconoscere i propri sentimenti e stati d’animo trovando le parole per descriverli e facilitarli nella capacità di mettersi nei panni degli altri. Si tratta di qualità importanti per le relazioni sociali e per il benessere personale.

I genitori sono i primi “insegnanti” delle emozioni: i bambini imparano prima di tutto da loro come gestire gli stati d’animo e quali sono le modalità di espressione accettate. Gli adulti, però, possono fare molto di più: aiutare i bambini a riflettere sui motivi per cui una certa emozione si scatena, per comprenderne l’utilità, imparare a gestirla ed infine esprimerla in un modo adeguato.

 

Un esempio?

La ‘rabbia’ è da sempre un’emozione che genera inquietudine e nervosismo nei genitori. Come le altre emozioni non va però repressa; piuttosto è utile imparare a sfogarla attraverso modalità che non nuociano a se stessi ed agli altri. Troppo difficile da insegnare? Assolutamente no! I bambini da sempre imparano le cose del mondo osservandolo con uno sguardo che si lascia incantare.

Le favole e i giochi… costituiscono un “linguaggio” semplice e d’immediata comprensione per i più piccoli. I bambini sanno immedesimarsi nei personaggi delle storie, ma come?

Vivendo le emozioni dei protagonisti sperimentano situazioni di difficoltà che generano paura, disgusto, tristezza restando nel proprio mondo protetto. Le favole, anche quelle che a noi adulti paiono più “cupe”, sono un modo attraverso cui i piccoli comprendono che si può uscire con coraggio anche dalle situazioni più difficili.

Il gioco, invece, è il primo “lavoro” del bambino: fin da piccolissimi impariamo a relazionarci con gli oggetti e le persone che ci circondano attraverso una modalità ludica che ci permette di apprendere.

Favolgiocando è un “esperimento” che si propone di utilizzare proprio queste modalità espressive del mondo dei bambini, favola e gioco, per creare un momento di condivisione in famiglia. Con l’aiuto di una psicologa che introduce le attività, genitori e figli possono trovare un luogo e uno spazio in cui mettersi in gioco e condividere un percorso che li aiuti a conoscere meglio le emozioni, trovando un linguaggio comune per riferirsi ad esse.

 

In cosa consiste Favolgiocando?

Il laboratorio GRATUITO prevede attività che utilizzano il gioco e il movimento abbinate a favole, animazione di storie e un momento finale di rilassamento per stemperare le attivazioni emotive vissute. È un momento di condivisione importante oltre che un’esperienza educativa fuori dall’ordinario, insieme ad altri  genitori e bambini.

Vi ASPETTIAMO SABATO 14 GIUGNO 2014 alla MARNA per VIVERE questa ESPERIENZA INSIEME a NOI !
posti limitati – PRENOTATE al 340-7786677

Condividi ora su:

Pubblicata il by admin Caricata in In Primo Piano, Notizie

About admin

Lo Staff ILSC, sono soci dell' Associazione I Love Sesto Calende che ogni giorno mettono passione e impegno per promuovere I Love Sesto Calende il l primo Urban Blog della provincia di Varese. Un progetto nato nel 2012 allo scopo di promuovere on-line e sui social la città di Sesto Calende e le attività che ne fanno parte dell'associazione.

Lascia un commento