Una Notte al 118.

È Venerdì Sera….di Iacco

 

La serata sembra tranquilla, ceno con i miei e mi incammino verso casa.

Un paio di km a piedi e la serata finirà tra le braccia di Morfeo.

Prendendo il telefono  leggo un messaggio: il responsabile dei servizi di 118 mi ha scritto: occorre un soccorritore urgente per la notte, il turno rischia di rimanere scoperto.

Da bravo militare e paracadutista sono sempre pronto: un occhio all’orologio e fornisco lo stimato del tempo di arrivo in postazione 118.

Arrivo casa, l’uniforme è già pronta, la indosso e mi avvio verso la postazione.

Di lì la notte sarà insonne, spesso scandita dall’orologio: ora di partenza, ora di arrivo, numero di battiti al minuto, atti respiratori . . .

Questa sera indosso l’ Orologio III Legio Incursore Libano: un orologio chiaro, leggibile, semplice ma robusto, come me.

Ora la notte è finita, l’Orologio III Legio Incursore Libano mi mostra che il turno è finito, è tempo di colazione, una colazione meritata, un impegno portato a termine, scandito dalle necessità operative ed un bel servizio effettuato.

Parlando dell’orologio dal punto di vista tecnico, il quadrante si legge bene, anche in emergenza quando l’ambulanza corre e traballa per Roma con un codice rosso a bordo, quando il tempo è tutto!

Questo orologio rappresenta quello che occorre: non ha troppi fronzoli, non ha grandi funzioni, niente di inutile.

Una linea pulita e che sa di robusto, una linea senza troppi risalti né spigoli, adatta all’uso sotto una uniforme di 118 ma anche sotto una giacca.

Una linea che non deve esporsi necessariamente con prepotenza ma che indica una forza ed una sostanza tipica dei valori militari italiani.

L’orologio quindi mi è piaciuto e lo indosserò durante la vita di ogni giorno, anche  quando non devo necessariamente correre od osservare il tempo ma voglio avere con me un distintivo che rappresenti i miei valori.

Dal punto di vista estetico poi, il cinturino sabbia riporta ai moderni teatri di operazioni militari, ma non solo, è anche una tendenza di moda che accomuna altri tipi di orologi. La scelta è quindi valida anche se ho dei dubbi sulla pulitura del cinturino stesso in conseguenza di segni di colore scuro (si può pulire? Magari con la para per pulire le scarpe scamosciate?).

Un paio di cose che mi sono piaciute meno: personalmente ho il polso piccolo (diametro: 17cm) ed il cinturino lavora al limite, sarebbe carino avvantaggiare anche chi ha il polso piccolo come il mio. Oltretutto, l’imbottitura impedisce di creare un nuovo foro in maniera identica a quelli preesistenti.

Una seconda cosa che spero sia un caso fortuito: la lancetta dei minuti ha un pó di “gioco”: non è ben fissata al suo perno. In funzione di come si “inclina” l’orologio, si muove: non è una bella impressione per chi si aspetta un prodotto magari non sportivo ma nato per ostentare robustezza. Suggerisco quindi di far curare l’assemblaggio delle lancette sul perno.

Condividi ora su:

Pubblicata il by Limbiati Tempo e Preziosi Caricata in Gioiellerie e Orologerie

Lascia un commento