L’IPERTENSIONE.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

La Salute in Primo Luogo…a cura della Farmacia Giardini

 

L’ipertensione rappresenta il fattore di rischio più importante per malattie cardiache, cerebrali e renali.

Ne è affetto ogni anno circa il 15% della popolazione nei paesi industrializzati. E’ una patologia caratterizzata da un aumento costante e non occasionale della pressione arteriosa, che talvolta non dà segnali della sua presenza, cioè la persona non avverte nulla fino ad eventuali complicanze. Per questo motivo è importante prestare sempre attenzione ai segnali d’allarme.

 

SINTOMI e CAUSE: ronzii alle orecchie, mal di testa, capogiri, tachicardia, perdita di sangue dal naso, piedi gonfi, astenia, disturbi visivi. Mentre in alcuni casi non si identificano cause dirette, in altri l’ipertensione è chiaramente riconducibile a fattori ben precisi (insufficienza renale, malattie vascolari, obesità, ecc)

 

L'Ipertensione

L’Ipertensione

 

CONSEGUENZE.  Se trascurata può causare gravi danni alle arterie, con conseguenze  importanti quali ictus, infarto, disturbi visivi, cardiopatie. Il rischio è alto perchè l’iperteso non si sente un ammalato e fatica quindi a seguire una terapia, a sottoporsi a periodici controlli, a modificare le sue abitudini alimentari e di vita.

 

CURE E TRATTAMENTI.   Ai primi segnali è necessario misurarsi la pressione. Il valore normale è 120/80 mm Hg, mentre i valori limiti sono di 145, per la pressione sistolica (la cosiddetta massima) e 85 per la diastolica (la cosiddetta minima).  Il controllo può essere effettuato in farmacia od anche in casa, con appositi misuratori (sfigmomanometri) almeno tre volte all’anno anche per le persone sane. In caso poi di persone anziane o ipertese, il controllo deve essere molto più frequente. In caso il medico curante identifichi una situazione di ipertensione, sarà necessario controllare la propria alimentazione, limitando il contenuto di sale negli alimenti. Il medico potrà poi prescrivere l’assunzione di farmaci anti-ipertensivi appropriati.

L’Otite.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

LA SALUTE IN PRIMO LUOGO…a cura della Farmacia Giardini

L´otite è una infezione delle strutture che compongono l´orecchio e colpisce soprattutto i bambini.

A seconda della parte colpita può essere distinta in: otite esterna, otite media ed otite interna:

  • L´otite esterna è un´infiammazione esterna dell´orecchio che si manifesta con un forte dolore, che aumenta se si tocca l´orecchio o quando si mastica. Le pareti del condotto uditivo si gonfiano a causa dell´infiammazione e provocano un restringimento del condotto, che a sua volta porta a un calo dell´udito. Può anche esserci fuoriuscita di siero per la reazione della cute infiammata.

 

  • L´otite media acuta è una patologia caratterizzata da sintomi infiammatori a carico dell´orecchio medio, con versamento essudativo nella cavità del timpano. Ha due forme: quella trasudativa e quella essudativa. La prima è provocata da variazioni nella pressione esterna e colpisce, ad esempio, gli aviatori, i palombari, i pescatori subacquei. Si manifesta con dolore, riduzione dell´udito e vertigini.

 

  • Le otiti croniche si suddividono in trasudative (dette glue-ear, con versamento di liquido mucoso denso), purulente (quando un´otite media acuta si cronicizza) e timpanosclerotiche.

COSA FARE:

L´otite compare molto spesso come complicazione di un raffreddore o di una faringite.

Per prevenire il mal di orecchie soprattutto nei bambini è necessario pulire bene il naso con soluzione fisiologica e procedere abitualmente con un´accurata pulizia dell´orecchio con soluzioni disinfettanti (acqua borica), il farmacista sa sicuramente indicare i prodotti più adatti per la prevenzione.

Il più delle volte il problema otite è dovuto ad un´infezione batterica che per essere eliminata necessita degli antibiotici, i quali sono fortemente raccomandati quando:

  • ci si trova di fronte a otiti ricorrenti;
  • è avvenuta una perforazione del timpano;
  • se il bimbo ha meno di due anni.

Bisogna sapere che non sempre se il dolore è scomparso vuol dire che il disturbo è guarito e si può sospendere la cura.

Occorre quindi attenersi alle indicazioni del medico o del pediatra, completando la cura prescritta e facendo ricontrollare l´orecchio prima di sospendere l´antibiotico.

Il Mal di Gola.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

LA SALUTE IN PRIMO LUOGO …a cura della Farmacia Giardini

 

IL MAL DI GOLA

Malanni di naso, gola e orecchie sono molto frequenti, soprattutto durante i periodi più freddi dell’anno.

Colpiscono diverse parti del corpo: il naso, la laringe, la trachea, le orecchie e sono causati principalmente da virus che si diffondono spesso in ambienti chiusi e affollati come le classi scolastiche e gli uffici; ma anche da sbalzi di temperatura, inquinamento e fumo.

A seconda della causa il mal di gola può accompagnarsi a febbre, gonfiore alle ghiandole del collo, tosse, prurito agli occhi e raucedine.

 

LE CAUSE

Il mal di gola causato dai virus si diffonde da persona a persona attraverso le mani, che vengono involontariamente portate agli occhi e alla bocca.

Di solito la mucosa (cioè la superficie rosea che ricopre le pareti interne di tutte le cavità) appare arrossata, infiammata e gonfia.

In questi casi il mal di gola dura per alcuni giorni soltanto e guarisce spontaneamente.

Se il malanno è dovuto a un’infezione batterica, come ad esempio la tonsillite, il dolore non scompare spontaneamente ed è necessario somministrare cure adeguate.
COME COMPORTARSI

La cosa più importante da fare quando si ha il mal di gola è di non sottovalutarlo: va curato e non scambiato per un sintomo secondario della tosse o del raffreddore.

Le forme di mal di gola che possono trarre giovamento dai farmaci di auto-medicazione sono quelle lievi, di solito di origine virale.

In questi casi possono essere utili gli antisettici (disinfettanti locali) in forma di compresse, collutori, ecc.

D´altra parte non vanno assunti farmaci, specialmente gli antibiotici, se non si consulta prima il medico; dopo un rapido ed economico esame come il tampone faringeo, il medico sarà in grado di riconoscere il tipo di infezione e di prescrivere la giusta terapia.

Nel caso in cui il medico abbia ordinato di prendere degli antibiotici, la cura va perseguita scrupolosamente fino alla fine anche se i sintomi sono spariti, per debellare completamente i batteri ed evitare che si formino ceppi resistenti ai farmaci.

Può essere opportuno inalare vapori balsamici e mantenere una adeguata umidità negli ambienti (a questo proposito si ricorda l´importanza di mantenere sempre rifornite di acqua le vaschette appese ai termosifoni o di utilizzare umidificatori elettrici).

Il Calo di Voce.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

                      LA SALUTE IN PRIMO LUOGO

a cura della Farmacia Giardini

CHE COSA E’:

È il sintomo principale di una laringite, cioè di un´infiammazione al più importante organo della fonazione. Di solito è accompagnato da tosse secca, dolore nel deglutire, e qualche volta febbre, ma non dà mai la sensazione di essere malati. Può nascere improvvisamente, da solo, oppure nel corso di un raffreddore, una faringite o una bronchite.
LE CAUSE:

Un calo di voce può essere legato a molteplici fattori ma il più comune, di norma, è il freddo.
Una temperatura troppo rigida e il passaggio repentino da ambienti caldi ad ambienti esterni molto più freddi, soprattutto nel periodo invernale, possono dare vita ad un abbassamento di voce. Di solito questa patologia compare in seguito a raffreddamento, talvolta come complicanza o estensione di un raffreddore o di un´influenza. Il processo infiammatorio può estendersi a sua volta verso le vie respiratorie inferiori, coinvolgendo trachea e bronchi.
Il calo di voce tuttavia non è una patologia esclusivamente invernale: anche d’estate, infatti, gli sbalzi di temperatura da ambienti condizionati all’esterno possono determinare un abbassamento del tono vocale.
Questa malattia può essere anche la conseguenza di altre patologie, quali la laringite, l’infiammazione del cavo orale tipica dei fumatori, oppure un eccessivo sforzo vocale.

COME COMPORTARSI:

Cercare di non parlare, perché le corde vocali devono rimanere il più possibile a riposo, evitare tutto ciò che può aggravare l´infiammazione (fumo, alcool, polveri irritanti, colpi di freddo) o che può esasperare il dolore (bevande calde, sostanze acide). Preferire una dieta liquida, non introdurre cibi troppo caldi e aumentare il consumo di alimenti ricchi di vitamina A e vitamina C.
Il medico ed il farmacista possono consigliare i prodotti antinfiammatori più adatti per risolvere il problema. In farmacia infatti sono disponibili molte pastiglie disinfettanti del cavo orale e della gola che possono essere utili per lenire i disturbi in pochi giorni.

La Bronchite.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

LA SALUTE IN PRIMO LUOGO a cura della Farmacia Giardini

CHE COSA E’:

La bronchite è un’infiammazione della trachea e dei bronchi. Infezioni virali, sbalzi di calore, inquinamento o fumo di sigaretta sono tutti elementi che concorrono allo sviluppo della patologia. I rivestimenti dei bronchi diventano rossi e gonfi e le cellule bronchiali iniziano a produrre muco per cercare di proteggere le vie respiratorie e trasportare all’esterno l’agente irritante. Quando ciò avviene una minore quantità d’aria fluisce dentro e fuori dai polmoni rendendo più difficile la respirazione, insorge inoltre la tosse attraverso cui il nostro corpo cerca di eliminare il muco in eccesso.

 

LE CAUSE:

La malattia si presenta soprattutto in inverno. Spesso è causata dal passaggio da un ambiente riscaldato all’esterno dove il freddo è intenso. In molti casi un raffreddore trascurato o un’infezione virale determinano la bronchite.

Chi vive in città corre i rischi maggiori, perché si è appurato che anche le molte sostanze inquinanti presenti nell’aria che respiriamo possono favorire l’insorgenza della patologia. La malattia si manifesta spesso con i sintomi di un comune raffreddore: frequenti starnuti e solletico al naso.
Insorgono in seguito forte tosse accompagnata dalla secrezione di espettorato mucoso e da dolori al petto. Spesso si accusa spossatezza, mancanza di appetito, dolori alla testa e dolori articolari diffusi.

COME COMPORTARSI:

Non appena compaiono le prime linee di febbre è consigliabile mettersi a letto. Quando il soggetto dell’infezione è una persona anziana o un bambino il riposo è consigliato sin dai primi sintomi, anche se non si ha febbre, praticando applicazioni calde sul torace e prestando attenzione a fare una dieta leggera frazionata in piccoli pasti (latte caldo zuccherato, riso, pastina, semolino, verdura cotta, frutta).

Per favorire la fluidificazione e l’espettorazione del muco e permettere la più rapida soluzione del processo infiammatorio è consigliabile assumere bevande ben calde e zuccherate ed evitare sforzi fisici eccessivi che inducano abbondante sudorazione.

Per quanto riguarda i prodotti farmaceutici più adatti ci si può affidare a farmaci antipiretici per abbassare la febbre e a sciroppi mucolitici che favoriscono la produzione e l’eliminazione del muco evitando la permanenza dei microrganismi infettanti all’interno delle vie respiratorie.
E’ sempre sconsigliato assumere antibiotici senza la prescrizione di un medico.

La Tosse Catarrale.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

CHE COS´E´:

La tosse è un riflesso di difesa del nostro organismo in risposta a un´azione irritante sulla trachea o sui bronchi; inizia con una profonda inspirazione cui segue un´espirazione forzata, esplosiva, che ha lo scopo di espellere o smuovere l´agente irritante. La tosse non è quindi una malattia, ma un sintomo, un segnale cioè di qualcosa che non va nel nostro apparto respiratorio.

LE CAUSE:

La tosse catarrale: è rappresentata da una tosse grassa, cioè accompagnata da rumori umidi, di gorgoglio a livello della trachea o dei bronchi, che indicano la presenza di un eccesso di catarro; può essere produttiva, cioè dar luogo all´espettorazione, vale a dire all´eliminazione del catarro, oppure no.

La tosse persistente e con eliminazione di molto catarro è di solito causata da bronchite, bronchiectasia (dilatazione dei bronchi a forma di sacco) o eccesso di fumo. La tosse del fumatore è più persistente il mattino: dopo un accesso di tosse catarrosa al risveglio, la tosse può rimanere secca per tutto il resto della giornata.
Altre cause di questo tipo di tosse possono essere il catarro nasale cronico o la sinusite; comunque, a prescindere dall´aspetto del catarro, in caso di tosse persistente bisogna sempre ricorrere al medico.

La tosse, nei bambini, è molto spesso indice di raffreddore o di influenza, ma può anche essere sintomo di bronchite, mal di gola, tonsillite o anche di otite; inoltre potrebbe essere il primo sintomo del morbillo o di una allergia.
In ogni caso, anche e soprattutto nel bambino, quando si manifesti una tosse persistente, deve essere chiamato il medico che, oltre ad una visita, farà eseguire gli opportuni esami, se necessario.

COME COMPORTARSI:

La tosse è solo un sintomo e non, di per sé, una malattia pertanto bisogna curarne la causa, riconoscere i sintomi della tosse, infatti, è il primo passo verso la normalizzazione della respirazione.
Quando si tratta di tosse catarrale possono essere utili i farmaci mucolitici che, fluidificando il muco, aiutano i bronchi a liberarsi dal catarro. E´ sempre buona norma leggere attentamente le avvertenze e preferire i farmaci che contengono un solo principio attivo chiedendo al farmacista un consiglio sul prodotto più adatto.

Freddo Intenso.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

Alcuni suggerimenti cautelativi da parte della Farmacia Giardini di Sesto Calende

 

Il freddo eccessivo, proprio come quello che registriamo di questo periodo, rappresenta una minaccia, soprattutto per la salute degli anziani, dei bambini e delle persone affette da particolari patologie, notoriamente più vulnerabili e a rischio di infezioni.

Ma anche i giovani in apparente benessere possono subire conseguenze sulla salute, a volte gravi, se esposte a valori bassi di temperatura.

Ecco cosa si deve e non si deve fare per proteggersi dai malanni dell´inverno, di cui l´influenza è il più comune, ma non solo.

  1. Regolare la temperatura degli ambienti interni verificando che la stessa sia conforme agli standard suggeriti
  2. Curate l´umidificazione degli ambienti di casa riempiendo le apposite vaschette dei radiatori: una casa troppo fredda e un´aria troppo secca possono costituire un´insidia
  3. Curate l´isolamento di porte e finestre, riducete gli spifferi con appositi nastri e altro
  4. Se usate stufe elettriche o altre fonti di calore (come la borsa di acqua calda) evitate il contatto ravvicinato con le mani o altre parti del corpo
  5. Controllate la temperatura corporea di bambini piccoli e persone anziane non autosufficienti
  6. Assumete pasti e bevande calde (almeno 1 litro e ½ di liquidi), gli alcolici non aiutano contro il freddo, al contrario, fanno disperdere il calore prodotto dal corpo
  7. Uscite nelle ore meno fredde della giornata: evitate, se possibile, la mattina presto e la sera soprattutto chi soffre di malattie cardiovascolari o respiratorie
  8. Usate vestiti idonei: sciarpa, guanti, cappello, insieme a un buon cappotto sono ottimi ausili contro il freddo
  9. Passando da un ambiente freddo a uno caldo abbiate cura di spogliarvi, per evitare di sudare e di raffreddarvi quando uscirete di nuovo

Se viaggiate in automobile non dimenticate di portare coperte e bevande calde.

La Febbre.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

La Salute in Primo Luogo a cura della Farmacia Giardini

 

CHE COSA E’

E´ innanzitutto fondamentale capire che cos´è la febbre. Di fronte a una situazione anomala (un´infezione, un fatto tossico o altro ancora) ogni cellula del nostro organismo ´si mette in moto´, entra in azione in modo più intenso e quindi ´si accalora e suda´.

La febbre quindi, nella maggior parte dei casi, è un fatto positivo, cioè esprime la reazione generale difensiva di un organismo. Per questo allora non è sempre utile cercare di eliminarla o di ridurla: può essere sufficiente impedire che raggiunga valori esorbitanti, ricordando però che uno dei problemi connessi con la febbre, cioè le convulsioni, non è tanto legato alla temperatura in assoluto, quanto alla rapidità di salita (o di discesa) della temperatura.

 

LE CAUSE

La febbre rappresenta uno dei sintomi più comuni di un´alterazione dei parametri fisiologici dell´organismo, e molteplici possono essere le cause che la determinano: più frequentemente si tratta di una risposta del sistema immunitario ad aggressioni di origine batterica o virale. La febbre, soprattutto durante la stagione invernale, è spesso correlata alle patologie da raffreddamento.

Leggi di più

Come Curare l’Influenza Stagionale.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

La Salute in Primo Luogo a cura della Farmacia Giardini

 

IL RAFFREDDORE
Malgrado sia relativamente innocuo e di breve durata (massimo una-due settimane), il raffreddore è una delle principali cause di richiesta di visita medica e di assenteismo dal lavoro. Particolarmente frequente nei mesi più freddi (autunno e inverno), il raffreddore si manifesta tuttavia fino a primavera inoltrata.  Spesso il raffreddore è preliminare ad una influenza vera e propria.

 

L’INFLUENZA STAGIONALE
Mal di testa, febbre, tosse, dolori muscolari, gola infiammata. Sono questi i sintomi più comuni delle sindromi influenzali, che costringono ogni anno molte persone a stare a letto e ad affidarsi alle cure del medico. L´influenza può essere dovuta a più di duecento ceppi e specie virali diverse e in alcuni individui la malattia respiratoria può aggravarsi causando delle complicazioni (per esempio una polmonite).

 

I SINTOMI:

I sintomi più comuni, che iniziano di solito entro due-tre giorni dal contagio, sono:

•  lo scolo di muco dal naso;
•  la congestione nasale, che rende difficoltosa la respirazione;
•  la tosse frequente;
•  la lacrimazione abbondante

La durata dei sintomi può variare da un minimo di due giorni a un massimo di due settimane, ma nei due terzi dei casi la malattia non si prolunga oltre la settimana. Se i sintomi si protraggono più a lungo o vanno incontro a frequenti ricadute, la causa potrebbe essere un´allergia piuttosto che un raffreddore.

Leggi di più

Come Curare il Raffreddore.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | 1 Commento

La Salute in Primo Luogo” – Come Curare il Raffreddore a cura della Farmacia Giardini

 

CHE COSA E’IL RAFFREDDORE

Come l´influenza, il raffreddore è una malattia provocata da virus, una particolare famiglia battezzata rinovirus. Il raffreddore è sicuramente una delle patologie più comuni, è estremamente contagioso e consiste in un’infiammazione acuta della mucosa nasale e faringea; spesso può associarsi a mal di gola e tosse.

 

LE CAUSE

Il contagio avviene dal malato o portatore sano per via aerea, attraverso lo starnuto, perché si emettono goccioline di saliva. Anche la stretta di mano con un soggetto ammalato può essere contagiosa. Sicuramente si è più facilmente esposti al raffreddore quando ci troviamo in uno stato di salute debilitato. Se trova condizioni favorevoli, il rinovirus attacca le cellule delle prime vie respiratorie; l´infiammazione che ne deriva provoca la dilatazione dei vasi sanguigni che irrorano la mucosa nasale, si richiamano così liquidi nella parte, si produce muco e il passaggio dell´aria viene ostacolato.

Leggi di più

Come curare la Tosse.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

La Salute in Primo Luogo” – Come Curare la Tosse a cura della Farmacia Giardini

 

CHE COSA E’ LA TOSSE

La tosse è una violenta e rumorosa espirazione, causata da un´irritazione delle vie respiratorie.
Fondamentalmente la tosse è un meccanismo di difesa dell´organismo messo in atto per eliminare, dai bronchi o dalle vie respiratorie superiori, sostanze irritanti (come polvere, fumo, corpi estranei) o muco (il catarro).

 

COME SI MANIFESTA

Esistono due tipi di tosse: tosse secca, con assenza di espettorato, accompagnata da bruciore e irritazione della gola e delle prime vie respiratorie.; in questo caso può essere utile e quasi sempre lo è, somministrare un sedativo della tosse. tosse catarrale, con abbondante produzione di muco, incolore o bianco, o giallo-verdastro; in questo caso sopprimere lo stimolo a tossire è assolutamente controproducente, in quanto il riflesso della tosse serve a liberare le vie respiratorie dall´eccesso di muco. Infatti se il muco ristagna nei bronchi, oltre a rendere difficoltosa la respirazione, costituisce un buon terreno di coltura per i microbi che causano le infezioni delle vie respiratorie. Nei casi in cui c´è produzione di catarro, quindi, è sempre opportuno cercare di favorirne l´espulsione, rendendolo più fluido.

Leggi di più

La Salute in Primo Luogo.

Pubblicata il by admin Caricata in Farmacie | Lascia un commento  

La Farmacia non è un Supermercato in cui acquistare i Medicinali, ma un punto di riferimento per tutti.

Il Dottore Farmacista non è un Commesso di Negozio, ma una persona impegnata  che prende a Cuore la Salute dei Cittadini.

In quest’ottica la Farmacia Giardini  si pone all’avanguardia, ed organizza giornate dedicate a vari temi relativi al benessere di tutti.

Si tratta di fare PREVENZIONE per  evitare gravi malattie. La missione del Farmacista è anche questa.

C’è differenza fra curarsi  e  prendersi cura di se stessi, e il Farmacista ci stimola e ci insegna a farlo.

Vediamo le prossime attività:

dal 26 ottobre al 2 novembre   l’intera settimana sarà caratterizzata dalla PREVENZIONE DELL’ICTUS CEREBRALE, in concomitanza con la giornata mondiale contro l’ictus cerebrale.  In Farmacia si potrà effettuare la misurazione della pressione  ed uno screening della fibrillazione atriale.

dall’11 al 16 novembre  la settimana sarà dedicata alla PREVENZIONE DEL DIABETE. In Farmacia sarà possibile effettuare l’automisurazione della glicemia

Leggi di più