Ile de La Reunion

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Ile de La Reunion… Per chi non lo sapesse, si trova nell’Oceano Indiano, ed è un Territorio d’ Oltremare francese. Si arriva qua con la sola carta d’identità, volando via Parigi con Air France o con Air Austral.

Arrivati all’aeroporto di St. Denis consigliamo il noleggio di un auto e consigliamo di fare tre o 4 pernottamenti in giro per l’Isola per poterla visitare al meglio, per poi finire con qualche giorno di mare nella zona fra St. Gilles Les Bains e Saint Paul sulla Costa Ovest.

Dirigetevi verso St. Andrè un piccolo angolo di India a l‘Ile de La Reunion, dato che la maggior parte degli abitanti di questo villaggio sono indiani tamil. Proseguite poi verso Bras-Pranon per visitare la cooperativa della vaniglia. Il procedimento per la fecondazione della vaniglia è laborioso e viene fatto a mano perché nessun insetto contribuisce all’impollinazione del fiore, che quindi viene inciso manualmente e gli stami vengono piegati in modo che entrino in contatto con il pistillo … Il fiore sboccia e dura solo mezza giornata! I lavoratori della cooperativa ne fecondano più di 2000 al giorno e tutto questo avviene fra settembre e dicembre. La vaniglia poi viene raccolta, lavata, messa ad essiccare e successivamente  raccolta in fasce per essere commerciata. Un kg di vaniglia qua costa 350€!

 

A l’Ile de la Reunion stanno bene, è l’isola dell’Oceano Indiano con il più alto reddito pro-capite e si vede anche dalle strade, che sono molto più curate delle nostre. Non c’è criminalità,  il tasso di disoccupazione è basso inoltre ricevendo le sovvenzioni dalla Francia non c’è quasi povertà. Non abbiamo visto baracche, non abbiamo visto clochard. Si ha poco la sensazione di essere in un luogo esotico perché non ci sono persone in costume tradizionale, sembra proprio di stare in Europa, anzi precisamente in Francia infatti si trova la baguette ovunque!

La particolarità dell’Ile de la Reunion è data dai Cirque, i luoghi di montagna dove è impressionante vedere, fra cascate e boschi di conifere giapponesi, foreste di bamboo e palme, frangipani e alberi di flamboyant.

A dicembre è anche il periodo della maturazione dei litchis, quindi trovate lungo le strade piante cariche di questi deliziosi frutti che vengono poi venduti per un euro al chilo! L’altro maggiore introito dell’isola di Reunion è dato dalla canna da zucchero, soprattutto nella costa est ci sono intere piantagioni e si sente quel caratteristico profumo di zucchero caramellato.

Ma dicevamo dei Cirque … il Cirque de Salazie, il Cirque du Cilaos e il Cirque du Mafate…  I luoghi ideali per gli appassionati di  trekking, canyoning, volo con parapendio e tutte le attività sportive di montagna. Addirittura al Cirque du Mafate ci sono percorsi di trekking di 3-4-5 giorni e ci sono luoghi raggiungibili solo a piedi.

La zona forse più particolare è quella del Piton de la Fournaise. È un vulcano dormiente, l’ultima grande eruzione è avvenuta nel 2007, una colata di lava che è arrivata fino al mare. Si può salire fino alle pendici del vulcano e percorrere la strada che lo attraversa, passeggiare fino ad arrivare a bordo cratere oppure attraversare in auto la Grand Brûlé, la zona che si trova a Sud di Reunion dove si possono vedere le colate di lava che hanno raggiunto il mare.

Qua  nella zona fra St. Philippe e St. Joseph potete assaggiare la famosa insalata di palmistè (cuori di palma), piatto tipico di questa regione. È chiamata anche l’insalata del miliardario perché è abbastanza costosa dato che, una volta tolto il germoglio la palma di vacoa muore. Comunque costoso significa 12 € … C’è la possiamo permettere per un giorno! Vi tagliano il cuore di palma, che è grande quanto un mattarello da cucina (altro che i piccoli bastoncini che troviamo da noi in salamoia), spruzzano un po’ di limone, una grattata di pepe et voilà l’insalata di palmistè è pronta, accompagnata dall’immancabile baguette!

Il cirque du Cilaos è famoso anche per una piccola produzione di vino, bianco, rosso e rosè… personalmente non l’ho molto apprezzato ho preferito di gran lunga la Dodo, la birra locale. Inoltre come tutte le isole dove si coltiva la canna da zucchero si distilla il rhum. A Ile Reunion però viene aromatizzato con vaniglia, frutta, una mistura di spezie… Ognuno ha la sua ricetta segreta per quello che viene chiamato Rhum Arrangé.

La costa Ovest che è la più secca e asciutta dell’isola presenta bellissime spiagge nere e bianche.  Lungo la parte nord della costa troviamo la barriera corallina;  si possono fare delle bellissime immersioni anche su piccoli relitti ma soprattutto si può fare snorkelling. Il mare è calmo e caldo mentre la parte sud della costa è caratterizzata da onde ed è il paradiso dei surfisti.

Infine St. Denis, la capitale è una cittadina graziosa sul mare con una via pedonale piena di negozi. Particolare è il grande mercato coperto dove si trova soprattutto artigianato locale, tovaglie ricamate, oggetti in paglia, parei ecc…  Se invece volete un mercato con prodotti locali allora dovete visitare quello di St. Paul che c’è due volte a settimana solo al mattino.

Insomma, natura rigogliosa, mare, folklore … quest’isola offre veramente un po’ di tutto ed è una destinazione ancora sconosciuta, la gente è cordiale, gli hotels anche se non sono di categoria elevata sono graziosi e puliti. Una vacanza all’Ile de la Reunion è un’esperienza sicuramente indimenticabile, e avendola visitata in prima persona posso darvi i consigli migliori perla vostra vacanza.

Contattatemi:  Alessia Ipotesi Viaggi

 

 

La lettera di Babbo Natale

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Ebbene si, cari Amici di Sesto Calende, ci mettiamo il cappello da Elfo e vi aiutiamo a fare una sorpresa ai vostri cari.

Siamo fra i rivenditori autorizzati della Lettera di Babbo Natale, quella vera, autentica e certificata che arriva direttamente da Rovaniemi.

Potete mandarla ai vostri figli, nipoti, amici… ci sono testi personalizzati per ogni età. Ordinarla è semplicissimo, basta nome, cognome e indirizzo del destinatario.

Se lo desiderate potete aggiungere anche le vostre firme che verranno poste accanto a quelle di Babbo Natale, ma se si tratta di bimbi che ancora  pensano che Babbo Natale porti loro i doni, vi consigliamo di non metterle per renderla più credibile.

Gli ordini si possono fare entro l’8 dicembre, in questo modo siete sicuri che la Lettera di Babbo Natale arrivi per tempo… poste permettendo.

Il costo è di soli € 7,75 a letterina.

contattateci per ordinare la vostra Lettera di Babbo Natale al nr. 0331924000

Buone Feste

 

Alba e il tartufo per un week end nelle Langhe e Roero

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Arriva l’autunno e immediatamente  scatta la voglia di evadere dalla routine quotidiana. Il tempo è poco ma desideriamo coccolarci e concederci un week end alla ricerca dei sapori, del benessere e quale paesaggio è migliore di quello offerto dal nostro “vicino” di regione, il Piemonte? A meno di un paio d’ore di auto da Sesto Calende abbiamo Alba, le Langhe e il Roero.

Sicuramente questa regione offre opportunità di svago tutto l’anno, ma il meglio dei suoi paesaggi ce lo danno i caldi colori autunnali. Una vista allegra, suggestiva e rilassante, in un’atmosfera cordiale, che invita ad apprezzare i piaceri della tavola e il magico connubio dei grandi vini rossi albesi con il tartufo bianco d’Alba.

Quest’anno anche Sesto Calende ha deciso di celebrare il tartufo il week end del 17 e 18 novembre, quello conclusivo della celebre Fiera Nazionale del Tartufo di Alba, e noi abbiamo pensato di proporre alcuni programmi ad hoc per visitare Alba, le Langhe e il Roero.

Il giorno 15 dicembre,  vi portiamo in gita ai mercatini e al villaggio di Babbo Natale a Govone, con pranzo in agriturismo o ristorante, nel pomeriggio in visita ad un castello delle Langhe (Grinzane, Barolo o Cisterna), seguito da visita e degustazione di torrone e tartufi dolci presso il laboratorio di Gallo Grinzane.

Il  bus partirà da Sesto Calende per un minimo di 50 persone e la quota di partecipazione è di € 75,00 per gli adulti ed € 60,00 per i bimbi da 5 a 10 anni non compiuti (bimbi 0-4 anni € 20,00). Iscrizioni entro il 30 novembre 2012.

Ma le nostre proposte non si esauriscono qua… infatti le Langhe e il Roero offrono week end relax, benessere, degustazione, percorsi trekking, corsi di cucina e fotografia… e persino la possibilità di organizzare il vostro matrimonio nelle vigne!

Non esitate a contattarci per concedervi un regalo del tutto fuori dal comune, un week end nelle Langhe e Roero.

Alessia Ipotesi Viaggi

 

 

 

Fiera Sposi e Viaggio di Nozze

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Mi vuoi sposare? E dopo il si e l’euforia che ne segue, ci si trova travolti in un turbine di scelte e decisioni dalla A di Abito alla V di Viaggio di Nozze.

Fortunatamente esiste la Fiera Sposi dove trovare numerosi espositori che vi possono aiutare ad organizzare il matrimonio perfetto.

Noi parteciperemo alla Fiera Sposi di Malpensa Fiere, Sposi Oggi dal 19 al 21 ottobre

Ci troverete però come Australia e Polinesia For You, perchè presenteremo principalmente le due destinazioni per le quali siamo specializzati, al fine di organizzare un Viaggio di Nozze perfetto.

Pertanto se volete approfittare di questa occasione per incontrarci potete venire a trovarci a Malpensa Sposi Oggi allo stand 56 – padiglione 1

Ci riconoscerete dal Koala …

 

 

 

Viaggio in Salento

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Anche per le vacanze di settembre ho deciso di mandare “al diavolo” la dieta e proseguire il mio tour eno gastronomico dell’Italia. Ho scelto la Puglia ed in particolare il Salento. Eh si, perché l’estremità di destra della nostra penisola ha una propria identità, una propria cultura, addirittura un proprio dialetto. Ho scelto di soggiornare alla Tenuta Centoporte di Giurdignano, vicino ad Otranto, una masseria 4 stelle con un ottimo rapporto qualità / prezzo, una  scelta azzeccata data la vicinanza delle principali località turistiche e delle spiagge più belle che mi hanno permesso di fare un viaggio nel Salento più straordinario.

Innanzitutto ci si alza al mattino e si decide se fare il bagno nell’Adriatico o nello Ionio… le spiagge più belle dell’Adriatico, Baia dei Turchi, Alimini, Torre dell’Orso non hanno nulla da invidiare alla parte Ionica, alle Maldive del Salento come le chiamano qua.

Poi ci sono le città dove il Barocco la fa da padrone nell’architettura dei palazzi e delle chiese… un’infinità di chiese …e tanti negozi, ristoranti, enoteche …

Dicevo all’inizio che ho mandato “al diavolo” la dieta… e come si fa a non assaggiare le orecchiette? al pomodoro, con le cime di rapa… e le sagne? E’ una pasta arrotolata, la più buona l’ho gustata sul lungomare di Otranto al ristorante Dal Baffo, con pesce spada, peperoni … molto delicata e fantastica! Per non parlare delle frise, della burrata…

Le serata più carina però è stata alla Cantina delle Streghe di Lecce. E’ un’enoteca con piccola cucina, con una carta dei vini di tutto rispetto, dove abbiamo degustato uno dei migliori vini di Puglia:  il Patriglione della Cantina di Cosimo Taurino  (e qua è d’obbligo ringraziare un caro amico per avermelo consigliato!)

La gestione della giovane proprietaria mia omonima e delle sue collaboratrici è impeccabile. Le definirei “ammaliatrici” dedite all’incantesimo di un viaggio fra i sapori del Salento… inoltre sono molto carine e gentilissime, altro che streghe!

Non poteva mancare la visita ad un’azienda vinicola e fra le tante ho scelto la Calosm di Tuglie. Daniele Calò, uno dei proprietari mi ha illustrato tutto il procedimento della vinificazione, mi ha accompagnato a visitare la vigna mentre era in corso la vendemmia (mi ha offerto anche un paio di forbici … ma ho fatto finta di non capire!) e ovviamente, mi ha fatto degustare alcuni vini di sua produzione. Daniele e Claudio, oltre a gestire l’azienda di famiglia hanno anche un’enoteca a Castiglione Olona ed essendo entrambi sommelier si avvicinano al mondo della produzione con un approccio diverso puntando più alla qualità che alla quantità… E devo dire che, per la mia modesta opinione (mi sono appena avvicinata al mondo del vino), il loro Salmace Rosato è il migliore che io abbia mai assaggiato di questa categoria.

Che dire, un viaggio in Salento è un’esperienza che deve rientrare assolutamente fra le “10 migliori cose da fare prima di morire“, ma se volete veramente gustare al meglio questa regione dovete andarci in bassa stagione, a giugno, luglio, settembre, quando le spiagge sono quasi vuote, non si fa coda sulle strade, la gente stessa è più disponibile… e anche i prezzi sono inferiori, particolare da non sottovalutare…

Buon viaggio in Salento!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scopri le Seychelles

Pubblicata il by admin Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Perché scegliere il Constance Lémuria Resort?

Incastonato lungo la costa nord-ovest della meravigliosa isola di Praslin e lambito dalle onde dell’Oceano Indiano, il Lémuria Resort si caratterizza per l’eccellenza del suo servizio è tra i resort più lussuosi delle isole Seychelles.

Leggi di più

Le Isole Fiji e… Minicorso di Cucina

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Bula! Questo è il saluto delle Isole Fiji e solo da qua potete capire quando sia meravigliosa la popolazione Fijiana. Bula!

Significa Benvenuto e Buongiorno ed è sempre accompagnato da un sorriso, da un abbraccio o da un bicchiere di kava, la bevanda tradizionale che viene preparata per le occasioni speciali.

La popolazione delle Isole Fiji è molto calorosa, gentile, squisita e sorride sempre. Nel momento esatto in cui scendete dalla scaletta dell’aereo vi sentirete come a casa vostra, anche se siete a migliaia di chilometri di distanza dall’Italia.

 

Le Isole Fiji sono consigliate come estensione mare dopo un tour in Australia ma se amate immensamente il mare potete anche dedicare una quindicina di giorni alla visita di queste isole meravigliose. Si può fare una piccola crociera fra le Isole Yasawa e poi soggiornare in una di queste oppure un fly and drive nell’isola di Viti Levu alla scoperta dei villaggi e della natura più selvaggia.

 

 

 

 

Se poi andate alle Isole Fiji non potete mancare di assaggiare la Kokoda (si pronuncia “coconda”) un gustosissimo piatto di cui vi faccio la ricetta fotografica:

Ingredienti:

– cernia o red snapper oppure ombrina

– peperone rosso

– peperone verde

– lime

– cipolla

– sale

– crema di cocco

 

pulire e tagliare a dadini il pesce e marinarlo con il lime per circa tre ore.

nel frattempo potete preparare la crema di cocco:

usate un bastone appuntito per aprire il cocco

con un coltellino togliete tutta la polpa ridotta in pezzetti e la mettete in una ciotola (foto 27)

spremete con le mani la polpa del cocco fino a farne uscire il latte

tagliate a dadini piccolissimi i peperoni e la cipolla e unite tutti gli ingredienti al pesce marinato con l’aggiunta di un pizzico di sale e la vostra Kokoda è pronta!

Ovviamente la crema di cocco si trova già pronta  al supermercato, il mio era un modo simpatico per prepararvi al vostro viaggio alle Isole Fiji

e…  per ricordarvi che la prima tappa del vostro viaggio alle Isole Fiji è a Sesto Calende all‘Ipotesi Viaggi per definire le date del viaggio, per avere informazioni complete ed essere consigliati sul resort che meglio si adatta alle vostre esigenze o anche semplicemente per fare un viaggio virtuale se siete curiosi di conoscere qualcosa di più di queste isole.

Bula! benvenuti alle fiji

 

 

Viaggio in Australia.

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Vi propongo un viaggio in Australia attraverso i libri. Molto spesso i clienti mi chiedono: cosa possiamo leggere per avere un’idea del Paese che andremo a visitare che non sia la classica guida turistica? Questo perchè siamo sempre curiosi di conoscere le abitudini di un popolo, la sua storia e la sua cultura e a volte, è noioso leggerle sulla guida.

Il primo libro che suggerisco s’intitola “In un Paese bruciato dal soledi Bill Bryson, racconta di uno scrittore americano che, armato di taccuino e di una dose inesauribile d’entusiasmo ha viaggiato per tutto il Paese proprio come un turista. Descrive con ironia  le sue esperienze di viaggio in Australia i luoghi e la gente che ha incontrato. E’ un libro molto divertente ma che da una chiara idea di quello che ci si può aspettare dagli Australiani.

Più impegnativo ma sicuramente molto bello è “Le Vie dei Cantidi Bruce Chatwin,


E’ il racconto del viaggio in Australia di Chatwin e delle indagini svolte da lui stesso sulla tradizione aborigena dei canti rituali, tramandati di generazione in generazione come conoscenza iniziatica e segreta. Il libro sviluppa la tesi secondo cui i canti aborigeni sono contemporaneamente rappresentazione di miti della creazione (narrazione degli eventi dell’epoca ancestrale del “dreamtime”, da cui tutto discende) e mappe del territorio. Il titolo si riferisce alle migliaia di linee immaginarie (appunto le “vie dei canti”) che, secondo le conclusioni di Chatwin, attraversano l’intero continente; ogni canto tradizionale sarebbe la rappresentazione musicale delle caratteristiche geografico-topografiche di un tratto di una di queste vie.

Se poi volete approfondire ancora di più la conoscenza del popolo Aborigeno leggete “E venne chiamata due cuoridi Morgan Marlo.


La Marlo segue un gruppo di Aborigeni durante il loro “walkabout”,  il lungo viaggio rituale che gli aborigeni saltuariamente intraprendono attraversando a piedi le distese del bush australiano. Il termine fu coniato dai proprietari terrieri bianchi australiani per riferirsi agli schiavi (o ai lavoratori) aborigeni che sparivano dalle loro proprietà, spesso per settimane, e dei quali si diceva gone walkabout (“andato in walkabout”).

Nella cultura aborigena, le lunghe camminate nel deserto degli individui che intraprendono il walkabout svolgono un ruolo essenziale per consentire contatti e scambi di risorse (sia materiali che spirituali, come i tradizionali canti) fra popolazioni separate da enormi distanze.

La Marlo parte per un viaggio di quattro mesi nell’Outback australiano, a piedi nudi, a volte senz’acqua, cibandosi di quanto offre la terra. Ma tra le privazioni e i sacrifici, impara a vivere in completa armonia con la natura e con se stessa, in un percorso di conoscenza e cambiamento, e scopre, nei tanti giorni in cui la sua fragile vita è minacciata, il vero significato della parola esistere.

Non preoccupatevi il viaggio in Australia che vi organizzerò sarà di tutt’altro tipo e soprattutto comfort!

Ma vi consiglio, quando arrivate in qualche luogo sacro degli Aborigeni, come il famosissimo monolite ad Ayers Rock, di fare un’escursione con la guida Aborigena, perchè si possa vedere Uluru con occhi diversi.

AGENZIA IPOTESI VIAGGI il vostro viaggio in Australia inizia qui!

Alessia Ferrante

U.S.A on the road by Alidays & Eagle Rider

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Paesaggi che hanno segnato un epoca,  il sogno Americano che non tramonta mai, anzi si rinnova in ogni anno che passa,un sogno legato a spazi estesi che solo l’America può dare.
Spazi che chiedono di essere attraversati, percorsi battuti da chi vuole scoprire un mondo che ha sempre affascinato.
Per Noi che abbiamo provato il brivido di una vacanza in Harley Davidson alla “easy rider” dove ciò che più conta è il piacere di condividere un’esperienza unica con compagni di viaggi nuovi, ma uniti dalla stessa passione, Libertà, Vista a 360° e passione della scoperta.

Lasciamo la metropoli di Los Angeles e partiamo verso i parchi più importanti della Costa Ovest degli Stati Uniti, prima tappa Palm Spring ,per arrivare  poi via route 66 al Grand Canyon e proseguire fino alla Monument Valley, territorio Navajo e scenario di innumerevoli film western.  Si prosegue dal Lago Powell e si arriva al Bryce Canyon dove si possono ammirare in un anfiteatro splendidi pinnacoli.
All’arrivo dopo l’attraversamento del deserto del Nevada nella pazza Las Vegas, dove si sfida la fortuna per cambiare la vita, il tempo non esiste, esiste solo il tintinnio dei soldi e la libertà trasgressiva di fare quello che si vuole.

Paolo sta raccogliendo adesioni per il tour U.S.A on the road su due ruote per la primavera 2013.

Motociclisti, questo messaggio è per tutti voi, partecipate numerosi!

Il Ladakh straordinario …

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

In Ladakh (India) con il nostro partner Earth Viaggi e l’accompagnatore Pino Tommasi,  uno dei massimi esperti di cultura buddista in Italia, traduttore di testi dal tibetano all’italiano, direttore del centro buddista Lamrim di Novara che ha vissuto per molti anni in Tibet, Nepal e India, affrontando numerosi viaggi e spedizioni in Ladakh e sull’Himalaya.

Sarà quindi un’esperienza di viaggio straordinaria, alla scoperta del Ladakh tra oasi verdi, dune di sabbie, montagne e alte vette himalayane. Ambientazioni suggestive che accolgono e conducono il viaggiatore verso la conoscenza di spiritualità e cultura, quella buddista, ricca di fascino e tradizione, entrando così in piena sintonia con quotidianità delle popolazioni locali.

Si parte il  5 Agosto  per 12 giorni con quote a partire da € 2.290,00* … contattateci per le prenotazioni!

Al numero : 0331924000

 

L’organizzazione prevede
– Trasferimenti in Toyota Innova e autisti esperti (3 persone per ogni mezzo)
– Sistemazioni previste in buoni hotel e in semplici campi tendati fissi (uniche strutture disponibili)
– Accompagnatore PINO TOMMASI, esperto di cultura buddista
Assistenza in italiano dei nostri uffici a Delhi e Leh

* sono esclusi:
ass. medico/bagaglio/sanitaria/annullamento con tasse e diritti d’agenzia inclusi (€ 70,00)Tasse aeroportuali (€ 420,00) – Supplemento volo alta stagione (€ 180,00) – Visto turistico (85,00 euro)

Shopping natalizio a Parigi!

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Apriamo la stagione invernale 2012/2013 con il primo tour della nostra programmazione “Noi con Voi”

Per lo shopping di Natale quest’anno vi porto a Parigi, dal 30 novembre al 2 dicembre.

Chi ha già viaggiato con me sa che le mie scelte per il soggiorno sono sempre particolari e di buon gusto, quindi a Parigi ci ospiterà il Royal Saint Honoré, 4 stelle molto carino, situato in un edificio del XIX secolo e arredato in stile Luigi XVI. Si trova vicino a Place Vendome, a due passi dal regno dello shopping più esclusivo e nel cuore della Parigi storica.

Il volo sarà da Malpensa con Easyjet, purtroppo l’unica compagnia rimasta dall’aeroporto a noi più vicino, per questo vi chiedo di contattarmi entro fine luglio per le adesioni, perchè non ci è possibile prendere opzioni e il prezzo si alza …

La quota di partecipazione di € 540,00 (supplemento camera singola 140,00 €) è valida per un minimo di 20 partecipanti e comprende: il volo andata e ritorno in classe economy con 20 kg di franchigia bagaglio, il trasferimento dall’aeroporto all’hotel e viceversa, due pernottamenti e colazioni in hotel, una mezza giornata di visita città con bus e con guida in italiano, le tasse aeroportuali, l’assicurazione medico-bagaglio-annullamento e l’accompagnatore Ipotesi Viaggi.

Contattatemi per dettagli e prenotazioni: alessia@ipotesiviaggi.com

 

Io vado a … Tokyo! Con Hotelplan …

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

Abbiamo già dieci adesioni per questo long week end dedicato alla visita di una delle città più affascinanti dell’Estremo Oriente. Non lasciatevi sfuggire l’occasione di partecipare a questo evento ad un prezzo a dir poco incredibile!

Contattateci per il programma dettagliato: info@ipotesiviaggi.com

La “solidarietà in viaggio” vola nel Sol Levante. La nuova tappa di “Io vado a” vede come protagonista la capitale Tokyo. La città, già conosciuta come Edo, fu rinominata Tokyo (Capitale d’Oriente”) nel 1868, sviluppandosi intorno al palazzo Imperiale. Oggi è una metropoli con oltre 12 milioni di abitanti, dove scintillanti grattacieli sfiorano il cielo e, nascosti tra i palazzi, si nascondono giardini e templi che sembrano proiettare in una dimensione diversa, lontano dal caos e dalla frenesia, e dove si possono ammirare uomini d’affari in completo grigio accanto ad eleganti signore in kimono. Sono i suoi molteplici aspetti  che danno l’impressione si tratti di molte città, diverse tra loro ma tali da caratterizzarla come metropoli proiettata nel futuro, capitale politica, economica e culturale.

“Non c’è bisogno di sottolineare quanto il paese abbia sofferto nell’ultimo anno, e con quanta fatica stia ritornando alla normalità – afferma Barbara Paganoni, a la carte tour operating manager -. Il simbolo del Sol Levante è la sua capitale, Tokyo, ed è per questo che l’abbiamo scelta come protagonista di questa nuova tappa. Il Giappone racchiude un mondo, tutto da scoprire, dove tecnologia e tradizione, grattacieli e templi convivono, creando un atmosfera surreale. Tokyo sposa perfettamente gli intenti e la filosofia di questo progetto, nato e voluto proprio per portare i turisti nelle mete più penalizzate, per agire, creando un’iniziativa che vada al di là delle parole. Qualche incoraggiante segnale di ripresa inizia a intravvedersi per l’estate, ma la strada per tornare agli antichi splendori resta ancora lunga; siamo stati i primi a lanciare nel lontano 2004 un catalogo monografico sulla destinazione, a testimonianza della grande fiducia che riponiamo in questa meta che è in grado di stupire e affascinare sotto molti punti di vista.”


Io vado a Tokyo prenderà il via il prossimo 19 settembre con 3 partenze (19, 20 e 21 settembre) dai principali aeroporti italiani. I pacchetti (6 giorni/4 notti) messi a punto hanno quote a partire da 599 euro a persona in camera doppia (tasse aeroportuali escluse a partire da 460 euro a persona) e includono voli, 4 notti presso il  Keio Plaza Hotel (prima categoria superiore) con trattamento di solo pernottamento, trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto, assicurazione sanitaria/bagaglio. Inoltre uno speciale evento sabato 22 settembre vedrà il coinvolgimento di tutti i partecipanti.  Si confermano sostenitori indiscussi e storici di questa nuova iniziativa:  Lufthansa, Mondial Assistance e ParkinGo, cui – per questa edizione – si affiancano Keyo Plaza Hotel, Yes Tokyo (Tokyo Metropolitan City) ufficio di rappresentanza di Tokyo e  JTB (Global marketing & Travel) fornitore di servizi in loco.

21 dicembre 2012 … la fine del mondo?

Pubblicata il by ipotesi viaggi Caricata in Agenzie Di Viaggio | Lascia un commento  

La profezia secondo Hotelplan e secondo Ipotesi Viaggi… Sono aperte le iscrizioni, richiedeteci i programmi dettagliati per un viaggio in Messico, sicuramente fuori dal comune.

“L’esperienza più bella e profonda che un uomo possa avere è il senso del mistero”. Queste le parole di Albert Einstein. E quale anno, se non il 2012, è contraddistinto da questa enigma?  Grazie alla famosa Profezia, i Maya, una delle più affascinanti civiltà del passato, sono tornati alle luci della ribalta. Le origini di questa controversa predizione si perdono nella notte dei tempi. Una civiltà raffinata, cancellata in pochi decenni dai conquistadores, ma sopravvissuta nelle spettacolari architetture e nei rarissimi codici dai quali gli studiosi hanno potuto ricostruire il più incredibile sistema di calcolo mai concepito: quello dei calendari, basato sulla ripetizione ciclica di cinque ere da 5.125 anni ognuna.

A elaborare tutto ciò furono sacerdoti-astronomi per i quali lo scorrere del tempo era determinato da forze cosmiche divinizzate (Acqua, Aria, Terra e Fuoco) con le quali vennero denominate le quattro ere precedenti quella finale, l’Età dell’oro. Quest’ultima, iniziata intorno al 3000 a.C. (e che include la civiltà maya stessa e la nostra storia) sarebbe destinata a terminare proprio il giorno del solstizio d’inverno del 2012. Due le prospettive: la prima, quella più ottimista, prevede la conclusione della Quinta Era con una transizione verso un livello superiore di consapevolezza dell’umanità; questa teoria avrebbe una base scientifica basata su un particolare allineamento del Sole con il centro della galassia, fonte di un flusso di energia cosmica tale da purificare il pianeta.

Secondo una visione pessimista, il recente succedersi di cataclismi (eventi che avrebbero costituito la fine di ogni era precedente) sempre più frequenti e devastanti, preannuncerebbe, invece, l’ultima catastrofe.   L’avvicinarsi della fatidica data che ha portato Hotelplan a realizzare “21 dicembre la fine del mondo”, una brochure ironica ma con grande rispetto per la cultura e la civiltà Maya  che presenta due proposte di viaggio messe a punto per poter vivere il fascino del 21 dicembre a Chichen Itzà: una di 9 giorni e una di 5. La prima – 7 notti – prevede una partenza unica il 16 dicembre con sistemazione a Cancun e una serie di escursioni da scegliere per andare alla scoperta di alcune delle bellezze della Riviera Maya: ecco quindi il parco eco-archeologico di Xcaret, il sito di Coba e il Cenote, Isla de le Mujeres in catamarano  e Tulum.

Le quote partono da 1.199 euro a persona e includono voli di linea, trasferimenti, sistemazione in hotel 5 stelle in camera doppia con trattamento di pernottamento e prima colazione.  Il viaggio di 5 giorni, invece, parte il 20 dicembre per approdare a Cancun, da cui, volendo, si potrà andare alla scoperta di Tulum. Le quote partono da 749 euro e includono voli noleggiati Neos, trasferimenti e sistemazione in hotel 5 stelle con trattamento di pernottamento e prima colazione. Momento culmine di entrambe i viaggi il 21 dicembre a Chichen Itzà: una giornata (già inclusa nelle quote) caratterizzata dalla visita del sito archeologico, dove si potrà apprezzare – tra le altre –  la magnificenza de El Castillo (o Piramide di Kukulkan) che si staglia imperioso e che domina con i suoi 365 scalini (uno per ogni giorno dell’anno) l’intera città. Esserci per vedere con i proprio occhi, esserci per poter dire “io c’ero”, incrociando le dita che  – così come per il “mille e non più mille” – venga sfatato il mito della Profezia Maya.