DEGUSTAZIONE DI VINI PIEMONTESI DELL’AZIENDA AGRICOLA BRUNA GRIMALDI

 

La conoscenza di Bruna Grimaldi e Franco Fiorino, unita alla competenza dell’agronomo Giampiero Romana, puntano ad un unico obiettivo: lavorare la vigna nel pieno rispetto della tradizione. Preservare le caratteristiche di un territorio capace di regalare vini importanti, strutturati, dai profumi intensi, dove la natura si esprime al meglio, dove la terra è presente nella qualità del vino.Le vigne dell’azienda si estendono nei Comuni di Grinzane Cavour, Serralunga d’Alba, Roddi e Diano d’Alba. Dieci ettari che regalano 50 mila bottiglie che racchiudono l’essenza naturale del vino di Langa, dal re Barolo passando per il Dolcetto, il Barbera, il Nebbiolo d’Alba. Un’impronta marcata e precisa, quella dell’azienda Bruna Grimaldi, che si esprime anche nei tre crü dai quali si ricavano il Barolo Badarina a Serralunga, il Barolo Camilla a Grinzane Cavour, il Barolo Bricco Ambrogio a Roddi. La lavorazione del vigneto segue i canoni della tradizione: la vite viene lasciata crescere in modo naturale. Per favorirla, vengono fatti interventi meccanici per il controllo dell’inerbimento naturale, e non si interviene con trattamenti per il diserbo sottofila. Analisi in fase di maturazione dell’uva su zuccheri, acidità, polifenoli, per portare in cantina un’uva sana, con il giusto equilibrio di maturazione, dalla quale ricavare un vino dai profumi puliti.L’uso di prodotti chimici è ridotto al minimo, e non vengono utilizzati antibotritici e prodotti sistemici. La purezza dell’uva passa soprattutto attraverso i lavori manuali: puliture fatte a mano e vegetazione curata. Tutti accorgimenti che permettono di ottenere un’uva capace di regalare vini di qualità.La cantina secondo Bruna Grimaldi e Franco Fiorino è concepita come un luogo dove il vino è il naturale passaggio finale di un processo lavorativo che inizia e si sviluppa nella vigna. La struttura, ricavata da un edificio di inizio ‘900, e convertita a cantina dagli anni ’50, è stata concepita per preservare al meglio la qualità del vino. La cantina è composta dai reparti vinificazione, invecchiamento, stoccaggio, confezionamento e magazzino. Fin dal 1999, anno della prima vendemmia firmata Bruna Grimaldi con il Barolo Badarina, l’uso della tecnologia è ridotto, e si privilegia l’utilizzo del legno con botti grandi e tonneau. Anche per questo aspetto la mentalità è chiara: il legno serve completare ed esaltare la qualità dei vini, soprattutto per il Barolo, la Barbera ed il Nebbiolo d’Alba. L’uso del legno dipende anche dall’andamento climatico dell’annata nella vigna. Il vino è buono perché preserva la sua naturalità, questa è la chiave che apre la porta della cantina, dove il lavoro di Franco Fiorino è incentrato sull’ottenimento di vini dal sapore genuino, dal sapore di uva.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI LUNEDI’ 27 MAGGIO ALLE ORE 21

INGRESSO €.20,00

Condividi ora su:

Pubblicata il by hollydrink Caricata in Bar Enoteche

Lascia un commento