Pasta Italiana – Tagliolini Tricolore

TAGLIOLINI TRICOLORE a SESTO CALENDE

di Paolo Maggioni – Food Blogger

La Casa della Pasta Fresca®

Una Pasta nata in onore del 150° dell’Unità d’Italia

Durante l’aperitivo tricolore che La Casa della Pasta Fresca ha organizzato per il Comune di Sesto Calende, in occasione della celebrazione storica del 150° dell’Unità d’Italia Susy Milani decide di dedicare una PASTA alla BANDIERA ITALIANA, nascono così il 17 marzo 2011 a Sesto Calende (VA) i Taglilini Tricolore.

Le “italiane” sono un tagliolino tricolore che interpreta anche graficamente la tradizione della cucina italiana. Una pata leggera, carica di sapore e che viene pronta con soli tre minuti di cottura per tutti quelli che non hanno tempo di attendere molto per mangiare.

Si parte ovviamente dal tagliolino bianco, la base ideale per ogni sapore. Si passa poi al classico tagliolino agli spinaci, verde, sapore intenso, gusto semplice che soddisfa ogni palato. Il rosso invece è quello di barbabietola e qui vogliamo aprire una discussione. La barbabietola è considerata un ortaggio non facile, acido, dal sapere forte come forte è il contrasto con il dolce, che si ama o si odia senza compromessi.  Questo può far si che la prevenzione di chi non la ama si estenda anche a paste e gnocchi che la utilizzano.  Bene, niente di più sbagliato, usato come ingrediente per una pasta la barbabietola si trasforma, perde contrasti, perde completamente l’acidità, conserva una dolcezza di fondo ma che risulta tonda ed elegante, sembra che la farina le consenta di tirar fuori li meglio di se.

Qual’è la ricetta migliore per la pasta “italiana” ? Un ragù di verdure sicuramente si abbina bene, un sugo rosso di funghi è talmente scontato da risultare banale, un semplice sugo rosso cotto a fuoco basso per due ore è la massima espressione della semplicità.

Proviamo a pensare però a qualcosa di diverso, con una sua eleganza intrinseca e con richiami unitari alla bandiera con un ingrediente dalla nebbie della Pianura Padana  ed uno dal Sole della Triniacria : una crema di Parmigiano Reggiano 48 mesi con granella di Pistacchi di Bronte ( un grazie al ristorante I Tre Siochett di Parma che me lo ha fatto provare ). In realtà quello che vogliamo fare è un doppio contrasto associato fra i sapori, il salato del parmigiano con la dolcezza della barbabietole ed il gusto aromatico del pistacchio con l’intensità dello spinacio.

Partiamo per 4 persone da una confezione di panna fresca, mi raccomando, quella fresca non quella Uht a lunga conservazione, deve essere liquida e fresca. So che molti sono prevenuti sull’uso della panna, che il cattivo cuoco la  usa per coprire il cattivo sapore, ma usata con la giusta ponderazione e solo come mezzo di trasporto dei sapori con l’obiettivo di dare solo morbida consistenza allora la panna acquisisce una sua ragione d’essere.

Torniamo comunque alla ricetta. Per prima cosa prendete 5 pistacchi di Bronte per ogni commensale, sgusciateli e spelateli e pestateli nel mortaio; se lo spelarli dovesse risultare difficile tuffateli un secondo in acqua bollente ed il problema è risolto.

Fate intanto sobbollire a fuoco basso la panna ed aggiungete una dose massiccia di parmigiano grattugiato : mescolate accuratamente con un cucchiaio di legno sino a che la crema non diventerà omogenea e regolate di sale e pepe. 4 minuti di cottura per le italiane, amalgamatela con la crema di parmigiano e metà dei pistacchi, impiattate e coprite con l’altra metà dei pistacchi.

Successo assicurato, vedrete.

Paolo Maggioni – Food Blogger                            Un’idea originale da regalare !!!

 SCOPRI TUTTI GLI ALTRI GUSTI  DI PASTA :

 http://www.lacasadellapastafresca.it/welcome.php?lang=ita&page=pasta-secca

                                                                                                                                                                                                                                                                  VI CONSIGLIO DI DARE UN’OCCHIATA AL CONDIMENTO DI VANNA IN CUCINA:

http://cucinaetorteggiaconvanna.blogspot.it/2012/10/tagliolini-con-zucca-e-speck.html

Tagliolini con zucca e speck

Ingredienti per 4 persone:
250 gr di tagliolini   Le italiane La casa della pasta fresca 400 gr di zucca 1 cipolla 50 cl di olio extravergine d’oliva Dante sale pepe 1 bicchiere di carta di Vinchef 50 gr di speck prezzemolo 1/2 l di brodo vegetale 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
Procedimento:

Pulire e lavare la zucca a dadini molto piccoli, in modo che si raggiunga un peso netto di 400 gr. In una padella mettere  una cipolla grattugiata, 25 cl di olio, sale e pepe e far dorare la cipolla  e poi versare 200 gr di cubetti di zucca. Cuocere per pochi minuti e poi irrorare con mezzo bicchiere di Vinchef. Far sfumare per 10 minuti a fiamma bassissima e aggiungere un mestolino di brodo. Coprire con un coperchio e far cuocere fino a quando la zucca si potrà facilmente schiacciare con la forchetta! In un’altra padella mettere l’olio rimasto, lo speck a pezzetti piccoli e far cuocere a fiamma bassa per 5 minuti. Aggiungere i 200 gr di cubetti di zucca rimasti e continuare la cottura per almeno 10 minuti, facendo attenzione che nulla si bruci, e poi aggiungere il resto del vinchef e aggiungere all’occorrenza un mestolino di brodo, salare, pepare e aggiungere prezzemolo tritato.

Spegnere quando la zucca risulterà cotta.

Cuocere in abbondante acqua salata i tagliolini. A cottura, scolarli bene e versarli nella padella dove avete mischiato i due condimenti, mescolare bene, aggiungere il parmigiano e servire caldi ! Sono buonissimi!!!!!!!!!!!!!!

La Casa della Pasta Fresca®

Pastificio – Produzione e Vendita Diretta Pasta Fresca

Ristorante Self – Service

Gastronomia e Piatti Pronti da Asporto

Servizio Catering e Banqueting

Pranzi e Buffet per Cerimonie, Feste Private ed Eventi

Noleggio Attrezzature

Via V .Veneto 13 (S.S. Sempione) Sesto Calende(VA)

Tel. 0331 924981 – Fax. 0331 919385

info@lacasadellapastafresca.it

www.lacasadellapastafresca.it

Condividi ora su:

Pubblicata il by LACASADELLAPASTAFRESCA Caricata in Alimentari

Comments are closed.