Cucinare la zucca

La zucca è il prodotto stagionale per eccellenza, un prodotto tipico delle nostre zone a cui  purtroppo non è data la considerazione che merita. Qualcuno lo sbobba perché troppo popolare, altri perché troppo dolce, altri ancora perché pensano non esista altro modo di gustarla che nei tortelli mantovani.

Effettivamente il tortello mantovano richiede l’arte di una vita per ottenere l’equilibrio di sapori, il gnocco di zucca ha una sua manualità non semplice e la ricetta della lasagna di zucca per Parma è conosciuta solo da pochi circoli gnostici di iniziati.

Ci sono però mille altri modi di gustarsi la zucca,  tutti di facile preparazione, tutti con poco impegno richiesto e tutti con un risultato assicurato. Capisco la prevenzione verso il gusto dolce di fondo, ma la zucca ama i contrasti ed ha diversi amici che l’aiutano a trovare la giusta combinazione ed equilibrio, lo speck, la lonza ed il guanciale, il porro. Tutti ingredienti che creano quell’equilibrio che sta alla base del gusto.

Vediamo quali possono essere diverse varianti veloci e di sicuro successo.

Un risotto : tagliare la zucca a cubetti, rosolate nel burro per 5 minuti con due dita di salsiccia per ogni commensale, tostate il riso, sfumate di vino bianco e tirate a cottura per i classici 18 minuti con brodo vegetale.

Coi bucatini : rosolate la zucca con un’idea di porro, stufate a cottura con brodo vegetale molto lungo, aggiungete delle fette di lonzino per creare dei chips croccanti e poi mantecateci i bucatini aggiungendo della toma a fine cottura.

Per una zuppa : rosolate zucca, patate e un po’ di porro, più patate che zucca insieme ad una  fetta di speck. Se poi avete sottomano la cotenna dello speck meglio ancora, riempirà di sapori e di contrasti. Cuocete per un’ora e mezza abbondante a fuoco lento, togliete la cotenna e passate al minipimer.

In una Torta salata : rosolare zucca, verza e patate per 5 minuti. Riempite una torta di pasta brisee ed informare.

Come Finger food : tagliate la zucca a julienne e fatela friggere nell’olio, spalmate dei crostoni di pane di segale con Formaggina di Osmate e ricopritele con la zucca fritta.

Andando sul Sofisticato : zuppa di topinambur e zucca al profumo di arancia, rosolate gli ingredienti con un etto di topinambur per tre etti di zucca, aggiungere 50 grammi di latte e 200 di acqua, aggiungere  della scorza d’arancia e far cuocere. Togliere l’arancia, passare al minipimer e mantecare con grana. Con questa ci potete invitare a pranzo la Carolina di Monaco, quindi dovrebbe andare bene anche per Sesto.

Direi che ce n’è abbastanza per sbizzarrirsi. A questo punto non vi resta che andare a compravi una o due zucche sinché siamo in stagione. Ricordate che la zucca sino a che non viene aperta può durare anche mesi, una volta aperta è uno dei vegetali che meglio supporto la surgelazione e quindi potete riempire il freezer di cubetti o fette debitamente imbustate e pronte per essere passate direttamente in padella.

Paolo Maggioni

 

Condividi ora su:

Pubblicata il by Sesto Frutta Caricata in Alimentari

Lascia un commento