Il Piatto del Centenario della Siai Marchetti

Per iniziativa di Michelangelo Raiola, Chef del Ristobar Pomodoro Rosso di Sesto Calende, nasce il Piatto del Buon Ricordo dedicato al Centenario della Siai Marchetti.

Donato in una Elegante Confezione è frutto della Lavorazione Artigianale Italiana ed è ispirato ad una Cartolina dell’Epoca.

Il protagonista è un S.55, forse il veivolo più rappresentativo dell’attività progettuale dell’Ing.Alessandro Marchetti e che guadagno la propria fama grazie alle imprese aviatorie degli anni’30, in occasione di un sorvolo sul Fiume Ticino e di fronte alle Rive di Sesto Calende.

Ogni Piatto è rifinito a mano e singolarmente numerato a prova della sua natura limitata.

Con il Piatto del Centenario della Siai Marchetti Michelangelo Raiola con il Suo Pomodoro Rosso si inserisce di diritto nei programmi ed iniziative legate a questa storica ricorrenza festeggiata da una intera Città.

Michelangelo Raiola omaggia in questo modo la Città che lo ha adottato non solo professionalmente
scegliendo anch’esso di dare un tributo ad una Storia, molto Sestese, di Uomini ed Aeroplani.

Il Piatto del Centenario della Siai Marchetti: un diverso ed originale modo per ricordare vicende che sono state sinonimo di progresso e conquista della Storia dell’Aviazione in Italia e nel Mondo.

Questo cadeaux, che premierà chi sceglierà le proposte suggerite dal Menu del Pomodoro Rosso, è la ciliegina che lo Chef Michelangelo pone in apertura di una Stagione Estiva che gli Ospiti avranno modo di godere al riparo di una Terrazza sul Fiume tutta nuova e vizziati sia da proposte veloci e leggere per la vostra pausa pranzo che da proposte tesi a valorizzare i prodotti del territorio che la cucina mediterranea.

Condividi ora su:

Pubblicata il by Lo Staff ILSC Caricata in Ristoranti e Pizzerie

About Lo Staff ILSC

I commercianti di Sesto Calende dal 2012, si sono uniti in questo blog per portare nella tua casa la loro professionalità, farti conoscere i loro prodotti e informarti di tutte le novità che succedono sulla città in riva al fiume Ticino.

Lascia un commento